Lunedì 30 Gennaio, aggiornato alle 22:01

Terreni ad uso civico, scadute le convenzioni, il PD: intervenga subito la Regione

Terreni ad uso civico, scadute le convenzioni, il PD: intervenga subito la Regione
SCADUTE LE CONVENZIONI PER I TERRENI GRAVATI DA USO CIVICO, IL PD: “INTERVENGA SUBITO LA REGIONE”+++

“La Regione intervenga con urgenza per risolvere le problematiche relative alla garanzia occupazionale per i titolari di uso civico presso l’agenzia Forestas”. È questo l’appello che i consiglieri regionali del Partito Democratico hanno lanciato al presidente Solinas e alla sua giunta, attraverso una mozione presentata da Salvatore Corrias (primo firmatario), sottoscritta da Roberto Deriu (secondo firmatario) e da tutto il gruppo dem.

“Decine di migliaia di ettari di territori forestali di proprietà pubblica, prevalentemente gravati da uso civico, sono gestiti da Forestas. Le convenzioni d’uso sono scadute e si trovano oggi in una condizione di impasse gestionale – spiegano in un comunicato i consiglieri dem –. A breve, infatti, scadranno anche le convenzioni relative alla gestione, da parte di Forestas, del patrimonio forestale pubblico di proprietà comunale. Una problematica che interessa più o meno tutti i Comuni della Sardegna, alla quale è necessario porre subito rimedio”.

“Queste convenzioni – proseguono gli esponenti del PD – hanno consentito nell’ultimo trentennio una gestione forestale pubblica che ha svolto un ruolo socioeconomico fondamentale per centinaia di piccoli centri dell’isola, con importanti ricadute sulla tenuta sociale delle comunità e sul contrasto dei forti fenomeni di spopolamento delle aree interne”. “Ecco perché – evidenziano i dem – è opportuno che la Regione metta in campo tutte le azioni possibili per implementare la gestione sostenibile di questi territori per il mantenimento e la valorizzazione del patrimonio forestale pubblico”.

Con la mozione presentata in queste ore, i consiglieri di opposizione impegnano il presidente Solinas e la giunta regionale a “disporre tutte le azioni necessarie al fine di favorire la creazione di occupazione tra i membri della collettività titolare dell’uso civico, generando così benefici a carattere economico diretto, e la determinazione dell’indennità – nel rispetto dei criteri di congruità – necessaria a poter procedere alla sospensione temporanea del diritto d’uso civico e a consentire ai comuni di destinare l’uso delle aree interessate ad opere permanenti di interesse generale”, concludono gli esponenti del PD.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi