Sabato 28 Gennaio, aggiornato alle 22:52

La denuncia di Christian Mulas: C’è una grave carenza di personale di Neuropsichiatria infantile nel Distretto di Alghero

La denuncia di Christian Mulas: C’è una grave carenza di personale di Neuropsichiatria infantile nel Distretto di Alghero

I problemi sono troppo evidenti da parte della direzione dall’Asl Sassarese, problemi dovuti anche da una programmazione leggera e da una mancanza di organizzazione programmatica. Non possiamo più accettare questa situazione afferma il presidente della commissione consiliare della sanità Christian Mulas. Continua il presidente, la bozza dell’atto aziendale presentato dall’Asl qualche giorno fa, evidenzia che il documento di programmazione sanitario  non è sufficiente per l’esigenze socio sanitarie. Questo forse perchè chi dirige un’azienda così importante, non conosce bene  l’esigenze del nostro territorio. Parrebbe che nella predisposizione  della bozza dell’atto aziendale sia mancato il coinvolgimento delle varie realtà nel territorio interessato al problema, e parrebbe anche che le stesse non siano state onorate di una presentazione dovuta. “Non è facile gestire la sanità territoriale stando solo seduti in comode poltrone da spettatore e non da attore, se non si è in grado ci si può sempre dimettere ”. I continui comunicati stampa dai vertici dell’azienda che cercano di colmare il disagio  di una mancanza di servizio socio assistenziale, non sono più credibili. Oggi di fatto  manca un neuropsichiatra infantile, una figura medico sociale importantissima per la città di Alghero. Il 24 settembre da parte della direzione dell’Asl con una nota stampa informava che l’ambulatorio di neuropsichiatria infantile di Alghero non chiudeva perché nell’ambulatorio era presente una neuropsichiatra infantile,con un contratto a progetto a tempo determinato. Oggi la stessa neuropsichiatra ha vinto un concorso e parrebbe che sia stata spostata ad Olbia lasciando l’ambulatorio di Alghero scoperto. Il servizio di neuropsichiatria infantile di Alghero copre un territorio distrettuale,per una utenza di circa 80 mila abitanti. La normativa sulla dotazione dell’organico con indicazione generale con delibera n 71/10 del 16/12/2008 da indicatori di riferimento per il servizio e le figure mediche e sociali da impiegare nel servizio territoriale. Medico specialista in neuropsichiatria infantile 1 per 30 mila abitanti. Psicologo  con specialistica età evolutiva n 1 per 30 mila abitanti. Ovviamente nella struttura devono essere inserite nell’equipe, logopedista,l’educatore,il TNPEE, terapista neuro psicomotricista dell’età evolutiva.  La mancanza del neuropsichiatra infantile crea forti preoccupazioni per le famiglie costrette a fare i viaggi della speranza per riuscire a fare una visita, un rinnovo di una diagnosi, o una 104. Oggi, i  dati delle prestazioni e richieste di visite sono elevatissimi, visto anche la copertura distrettuale che deve garantire l’ambulatorio di Alghero.  In questi due anni che era presente la neuropsichiatra  infantile, oltre a fare le prime visite,valutazione e diagnosi importanti su i disturbi di linguaggio, di apprendimento e di altri disturbi; ma anche soprattutto l’equipe  di specialisti,aveva in carico moltissimi bambini con disturbi psichiatrici e disturbi del comportamento alimentare causati dal problema post COVID. I problemi oggi manifestati dai giovanissimi sono tanti, quelli alimentari influenzano la vita sociale dei nostri giovani,come bulimia, anoressia, devono essere presi in tempo con adeguate visite specialistiche  dal neuropsichiatra infantile. Senza trascurare le problematiche psichiatriche con depressioni infantili, ansia, e soprattutto non mancano  le diverse segnalazione delle scuole che evidenziano un numero sempre più crescente  di problemi comportamentali, apprendimento,dislessia e attenzione ecc. Un altro problema che è stato sottovalutato e mai risolto dell’ambulatorio di via Sanzio,  la mancanza di areazione degli ambulatori e  una privacy adeguata alla sensibilità dell’utente. Per cui l’importanza del servizio di neuropsichiatria ad Alghero  come distretto deve trovare dei luoghi che consentano  spazi adeguati alle attività riabilitative,  non soltanto di cura ma anche consulenza” conclude Christian Mulas  Presidente della commissione consiliare  della e consigliere comunale dell’ Udc


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi