Giovedì 20 Giugno, aggiornato alle 17:07

VIDEO – Fc Alghero, intervista a mister Pippo Zani. Andrea Alessandrini: “un esordio che ricorderò per tutta la vita, gioia allo stato puro”

VIDEO – Fc Alghero, intervista a mister Pippo Zani.  Andrea Alessandrini: “un esordio che ricorderò per tutta la vita, gioia allo stato puro”

A fine gara della partita fra Fc Alghero e Nughedu, vinta dai giallo rossi per 3 a 0, le interviste al mister Pippo Zani e il Patron della società Andrea Alessandrini ci restituiscono due stati d’animo diversi.

Pippo Zani uomo navigato, allenatore da anni sui campi di calcio, che conosce le dinamiche e le insidie, è molto pratico. Fotografa la partita, offrendo letture chiaro e scure su 90 minuti di gioco. Una squadra giovane che sente già la responsabilità e la pressione su di lei esercitata,

Andrea Alessandrini è inebriato dalla “prima” in casa, che gli ha regalato emozioni indimenticabili. Lui uomo catapultato nel mondo del pallone quasi per gioco, ora si trova dentro un progetto che lo sta assorbendo totalmente. Calcio e impresa insieme, Nobento e Fc Alghero sono oggi una unica squadra, obiettivo, sono la crescita e sentirsi protagonisti di un progetto unico. Quasi una rivoluzione nel mondo del calcio, che parte dal primo gradino, la 3^ categoria. Che tutto proceda secondo copione lo dimostra il pubblico numeroso presente sugli spalti, nonostante fosse sabato e l’ora davvero inusitata le 18,00

Pippo Zani nel dopo partita è molto pratico dice con chiarezza che: ” la squadra deve stare molto attenta perché chi viene a giocare contro l’Alghero, ci mette l’anima e il cuore e anche questa squadra ci ha messo un pochetto in difficoltà. Noi – ha proseguito – stiamo lavorando sull’amalgama della squadra, nel creare un gruppo partendo da  zero, ci stiamo riuscendo. Siamo all’inizio di questo progetto, sapevamo persino che l’inizio sarebbe stato difficile, e le difficoltà si stanno incontrando. Stiamo lavorando tanto da due mesi a questa parte e  faremo di tutto per cercare di ovviare più in fretta possibile a tutti gli inconvenienti che si verificano in questo inizio dell’anno, soprattutto quando si ha a che fare con un gruppo nuovo. Parliamo con Pippo Zani della  pressione che c’è intorno alla squadra e delle grandi attese che si ripongono:  “indossando una maglia gloriosa come questa li capisco, però dobbiamo lavorare tantissimo sulla testa dei ragazzi e alla fine giocheranno serenamente e tranquilli, di questo ne sono convinto” afferma Pippo Zani

Andrea Alessandrini a fine partita ci parla dell’emozione vissuta nella prima partita di questa squadra, in casa, sebbene ad Olmedo. Parla della squadra che “ha vinto con un tifo incredibile composto da decine di ragazzini che tifavano per i colori giallo rossi, quale altre mozioni lo sport mi può regalare? Sono contentissimo gioia allo stato puro, un fine settimana che mi ricorderò per tutta la vita, spero di riviverne altri . Ci parla della sofferenza nell’affrontare gli avversari” ci giochiamo tanto con le emozioni nello spogliatoio”, ci parla di quello che vorrebbe: “poter far entrare le telecamere all’interno dello spogliatoio per poter far vivere e far sentire come i ragazzi reagiscono ai suggerimenti di persone più esperte, ed io ascolto in un angolo e mi piace confrontare lo sport e l’organizzazione che abbiamo in campo con l’organizzazione e lo stato fondamentalmente mentale che abbiamo anche in azienda. Ci parla del ruolo del “capitano” mutuato dal campo all’azienda e viceversa. Alla domanda di quanto sappia Andrea Alessandrini di calcio risponde candidamente:”zero, tondo come un pallone”. Il calcio è stato voluto dai miei ragazzi, e i miei ragazzi a gran voce mi hanno chiesto di dirottare le finanze che una aziende ha il dovere di indirizzare sul territorio. Sul calcio perché un terzo dei nostri ragazzi in rosa , che sono anche in campo, sono della Nobento”.

Stati d’animo, emozioni, sentir parlare di questo dentro un campo di gioco, per una squadra di calcio la Fc Alghero, ci restituisce sensazioni che oggi viaggiano con il successo ottenuto, e per noi è un po una novità assoluta. Ma si sa che il calcio non ha regole, talvolta sfugge alla razionalità, e la strada da compiere è solo all’inizio, certo è che l’entusiasmo rende la fatica più sopportabile, questo indubbiamente.

 


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi