Venerdì 3 Febbraio, aggiornato alle 23:14

A rischio gli Stati generali del centrodestra voluti da Solinas

A rischio gli Stati generali del centrodestra voluti da Solinas

CAGLIARI – Gli Stati generali del centrodestra in Sardegna rischiano di naufragare ancora prima di essere celebrati. Fratelli d’Italia e Lega hanno fatto sapere che non intendono partecipare alla tre giorni convocata dal governatore Christian Solinas- dal 20 al 22 ottobre a Bultei, Sassari- se sarà confermata l’esclusione dei sindaci.

È assurdo che si escludano i primi cittadini e gli incontri si facciano in due momenti diversi– la posizione che filtra dai due partiti-. Così non sarebbero ‘Stati generali’, ma un evento chiuso a chi governa la Regione”. Ieri Solinas, comunicando la sede scelta per l’appuntamento- una struttura religiosa tra Bultei e Ozieri- aveva fatto sapere che all’incontro avrebbero partecipato consiglieri regionali, assessori, segretari e parlamentari, ma non i sindaci vicini al centrodestra, come inizialmente ipotizzato, per una questione “di spazio”. Sarebbero molti infatti i primi cittadini da coinvolgere- si è calcolato circa 160- troppi per la struttura che non sarebbe in grado di accogliere tutti.

Il confronto con i sindaci, avrebbe comunque assicurato Solinas, è solo rinviato e si farà in un incontro successivo, il 24 ottobre. Rassicurazioni che evidentemente non convincono parte degli alleati, pronti a disertare il conclave ed aprire l’ennesimo fronte polemico. Crisi che dovrebbe rientrare se si optasse per un’altra sede- più capiente- che coinvolga tutto il popolo del centrodestra

 

 

 

fonte Agenzia DIRE,  www.dire.it

Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi