Sabato 28 Gennaio, aggiornato alle 22:50

Invasione di Cinghiali – Un incidente ogni 41 ore con 13 vittime e 261 feriti gravi. Subito un tavolo tecnico

Invasione di Cinghiali – Un incidente ogni 41 ore con 13 vittime e 261 feriti gravi. Subito un tavolo tecnico

Alghero, 9 settembre 2022 – Emergenza cinghiali, proposte urgenti da presentare in Regione . Partecipata riunione ieri della V Commissione Consiliare che tra le strade più percorribili propone alla Provincia la costituzione e la regia di un tavolo tecnico per formulare soluzioni urgenti. Di seguito la nota stampa dell’Amministrazion Comunale che tratta la poblematica affrontata ieri nella sala del Quarter ad Alghero , dove era convocata la V^ Commissione Consiliare.

Si legge nella Comunicazione:

 

-Un impegno comune per intervenire sul contenimento della fauna selvatica nel territorio, con un particolare programma di azioni per contrastare la proliferazione dei cinghiali e i danni ad essa connessi alle colture ma non solo. Tra le proposte maggiormente percorribili, c’è la costituzione di un tavolo tecnico con la regia della Provincia di Sassari con la partecipazione di tutti i soggetti istituzionali interessati dal problema che sta mettendo a dura prova il comparto agricolo e le attività antropiche con seri problemi agli habitat e alle altre specie faunistiche. E’ quanto stabilito ieri nel corso della partecipata riunione della V Commissione consiliare presieduta dal Consigliere Christian Mulas alla presenza del Sindaco Mario Conoci, del Capo di Gabinetto della Provincia di Sassari Salvatore Saba, del Dirigente Antonio Zara, del Presidente e direttore del Parco Mariano Mariani, del Direttore di Forestas Gianmarco Saba, del Comandante della Forestale Giancarlo Muntoni, di Francesco Guillot rappresentante della Lipu, dei rappresentanti dell’agro e delle associazioni dei cacciatori.

Il tavolo dovrà costruire una serie di proposte concrete da portare in Regione per pianificare gli interventi a contrasto del fenomeno cha ha assunto contorni emergenziali. Accanto a tali problemi si è generato negli ultimi anni il rischio che la specie funga da vettore della Peste Suina Africana nel nostro Paese. Oggi è allarme cinghiali per numero e danni causati: a rilanciare l’allarme sono diverse associazioni tra cui la Coldiretti ma anche i corpi di polizia ambientale che quotidianamente ricevono segnalazioni da ogni parte del territorio. Il Sindaco Mario Conoci ha evidenziato “la necessità di una proposta attuale ed efficace, in un momento in cui le stime basate sui censimenti sono inattuali e le abitudini della fauna selvatica sono cambiate con evidenti ripercussioni negative sul comparto agricolo. Massima attenzione quindi verso il problema che sta danneggiando le nostre imprese, con priorità alla definizione di interventi coordinati per contenere il fenomeno”. Sulla stessa linea il presidente della Commissione Christian Mulas ha posto l’accento sul fatto che “i provvedimenti adottati fino ad ora non stanno dando i frutti sperati e comunque non sono adeguati e non bastano per contenere questo fenomeno in continua crescita che sta minacciando e mettendo in pericolo l’incolumità e tranquillità dei cittadini oltre che delle imprese agricole. Serve urgentemente un piano di contenimento – ha aggiunto –  e risposte concrete a questo fenomeno ma occorre anche programmare con una politica seria che limiti il fenomeno che invece è in continua crescita”. Dalla commissione è giunto inoltre un ringraziamento al Corpo Forestale e alla Compagnia Barracellare per il servizio che stanno fornendo in questo ambito in cui, dati regionali, nel territorio di Alghero si sono verificati il maggior numero di sinistri in Sardegna causati da ungulati nell’ultimo anno : un incidente ogni 41 ore con 13 vittime e 261 feriti gravi a causa dell’invasione di cinghiali e animali selvatici nelle strade.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi