Venerdì 23 Febbraio, aggiornato alle 15:27

Andrej Longo a Florinas in Giallo con il romanzo “Solo la pioggia”

Andrej Longo a Florinas in Giallo con il romanzo “Solo la pioggia”
FLORINAS    Una storia densa come una tragedia greca, dove i rapporti familiari si intrecciano con l’esercizio del potere e della violenza. Periodi brevi e incalzanti, azione descritta quasi esclusivamente attraverso i dialoghi dei protagonisti. Andrej Longo arriva a Florinas in Giallo con “Solo la pioggia”, pubblicato da Sellerio e accolto con entusiasmo dalla critica e dai lettori per l’intensità della scrittura e la capacità di tratteggiare i caratteri al centro della vicenda. L’appuntamento è venerdì 15 luglio alle 21 in largo Brigata Sassari, dove lo scrittore di Ischia, già vincitore del Premio Chiara e del Premio Bagutta, dialogherà con Sergio Scavio, durante il secondo appuntamento estivo del festival del Comune di Florinas diretto dalle librerie Cyrano e Azuni e organizzato da Associazione Itinerandia con il sostegno della Regione Autonoma Sardegna.
Quest’anno il tema chiave di Florinas in Giallo è l’inganno in tutte le sue molteplici declinazioni. E l’inganno, il non detto, l’ambiguità nei rapporti tra consanguinei e di fronte alla società per salvaguardare l’immagine e il potere della famiglia è anche al centro di “Solo la pioggia”. I protagonisti sono i fratelli Corona: Carmine, Papele e Ivano, costruttori edili, temuti e rispettati nel paese dove vivono per un passato inquietante ormai seppellito con il denaro e gli affari.
Carmine è la mente, Papele è il braccio, mentre il più giovane, Ivano, che ha studiato, non ha conosciuto la giungla della strada, e per hobby fa fotografie belle e malinconiche. Ogni anno, nell’anniversario della morte del padre, si danno appuntamento. Una visita al cimitero senza mogli, figli o parenti. E poi una cena, solo loro tre. Potrebbe essere una serata catartica, in cui liberarsi di maschere troppo a lungo portate. Ma la verità fa più paura di una comoda menzogna.
Nato a Ischia nel 1959, Andrej Longo è autore di opere teatrali, radiofoniche e cinematografiche. Ha lavorato come bagnino, cameriere e pizzaiolo prima di dedicarsi all’attività letteraria. Nel 2002 ha pubblicato la raccolta di racconti “Più o meno alle tre”, e l’anno successivo il romanzo “Adelante” (vincitore ad ex aequo Sezione Narrativa Premio Nazionale Letterario Pisa). Del 2007 è “Dieci”, una raccolta di racconti ambientati a Napoli ed ispirati ai dieci comandamenti, per il quale Longo viene insignito del Premio Bagutta, del Premio Nazionale di Narrativa Bergamo e del Premio Piero Chiara.

Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi