Lunedì 30 Gennaio, aggiornato alle 22:40

VIDEO – Programma di ricerca M.A.R.E, tappa ad Alghero con il Catamarano One. Le parole di Arianna Liconti

VIDEO – Programma di ricerca M.A.R.E, tappa ad Alghero con il Catamarano One. Le parole di  Arianna Liconti

Sabato 14 maggio durante la Conferenza stampa del Consorzio del Porto di Alghero, alla Presenza del Sindaco Mario Conoci, del Presidente del Consiglio Regionale Michele Pais, del Comandante della Capitanera di Porto Giuseppe Tomai, del Presidente dell’AssoArmatori Zanino Conoci, di Assessori Comunale e altre personalità civili, si è avuto modo di seguire un intervento di Arianna  Liconti. Ha parlato a nome dell’equipaggio del catamarano presente in banchina al porto di Alghero e della sua mission.

Arianna Liconti è una Ecologa Marina, si capisce subito che è una di quelle donne toste, giovane quanto basta, ma colta e formata che di più non si  può chiedere, di quelle under 30  (magari è anche più giovane) che profuma di sapere, e si dedica a una attività che ama e vuole conoscere nelle sue tante sfaccettature. Un po un lusso e una fortuna, ma sovente le due cose mai arrivano per caso

Con lei ci sono i cercatori del catamarano a vela “One” ad Alghero nella quinta tappa del programma di ricerca M.A.R.E. – Marine Adventure for Research & Education – del Centro Velico Caprera, progetto scientifico per lo studio della salute del mare sviluppato in collaborazione con One Ocean Foundation, punto di riferimento della ricerca ambientale in ambito marino e della sua divulgazione.

Questi due parterner  hanno sviluppato un progetto di ricerca che mira a monitorare lo stato di salute delle acque del “Mare Nostrum” per incentivare la conoscenza e la protezione dell’habitat marino

Questo progetto è stato sviluppato dal Centro Velico Caprera in collaborazione con One Ocean Foundation e con il patrocinio della Marina Militare e il Ministero della Transizione Ecolopgica.

Ce ne parla nella breve intervista Arianna Liconti : “In qualità di partner scientifico, One Ocean Foundation coordinerà le attività dell’iniziativa che comprende 12 settimane di navigazione nel Mar Tirreno toccando 23 Aree Marine Protette. Ieri è stata la volta di Alghero, l’AMP del Parco Regionale di Porto Conte

La Fondazione ha sviluppato un progetto di ricerca che mira a monitorare lo stato di salute del Mar Mediterraneo per incentivare la conoscenza e la protezione dell’ambiente marino, è una delle principali sfide del mondo contemporaneo – ha affermato l’Ecologa marina Arianna Liconti- la Fondazione coordinerà differenti attività con due principali obiettivi: il monitoraggio di inquinamento da sostanze chimiche e il monitoraggio della biodiversità marina.

 

 


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi