Martedì 16 Luglio, aggiornato alle 22:16

I pescatori contestano il Disciplinare dell’Area Marina Protetta, domani potrebbero consegnare al Sindaco Conoci le licenze di pesca

I pescatori contestano il Disciplinare dell’Area Marina Protetta, domani potrebbero consegnare al Sindaco Conoci le licenze di pesca

“In zona B e C, previa autorizzazione del soggetto gestore, è consentita la piccola pesca

artigianale/piccola pesca ai pescatori con i seguenti attrezzi e modalità, in alternativa fra loro:

 1.a) nasse, posizionate in mare per non più di tre giorni consecutivi, per un massimo di n. 100

pezzi per unità da pesca, calate ad una distanza non inferiore ai 50 metri dalla costa, e

comunque nel rispetto delle ordinanze di sicurezza balneare emanate dalla Capitaneria di Porto

territoriale, e segnalate come da normativa vigente;

  1. b) reti da posta di lunghezza complessiva non superiore ai 2500 metri, e per un massimo di n.

50 pezzi per unità da pesca: con singola maglia da “8” e/o da “7” e/o da “6” disposto

perpendicolarmente alla linea di costa e da essa distante almeno 50 m, e comunque nel

rispetto delle ordinanze di sicurezza balneare emanate dalla Capitaneria di porto competente,

segnalate come da normativa vigente. Sono vietate le reti monofilo di nylon di qualsiasi tipo

e numero di maglia;

  1. c) palangari fissi a non più di 300 ami, calati ad una distanza non inferiore ai 50 metri dalla

costa, e comunque nel rispetto delle ordinanze di sicurezza balneare emanate dalla

Capitaneria di porto competente, per un massimo di un attrezzo per unità da pesca e

segnalato come da normativa vigente;

  1. d) lenze a mano e a canna, con massimo n. 3 ami;
  2. e) lenze trainate per un massimo di n. 3 a persona, e n. 6 ad unità da pesca;
  3. f) lenze per cefalopodi (polpara, totanara o seppiolara), con massimo n. 2 lenze per persona e n. 6 per unità da pesca senza ausilio di fonti luminose;
  1. g) arpione, da unità da pesca, esclusivamente con l’utilizzo dei remi.
  2. Nei mesi di gennaio, febbraio, settembre, ottobre, novembre e dicembre, non è consentita la

pesca con attrezzi da posta (nasse, reti, palangari) nell’area identificata dalla cartografia di

 riportata ( foto ).

Quello descritto è un estratto dell’Articolo 10 del Disciplinrea dell’attività di pesca professionale e di piccola pesca artigianale/piccola pesca, annualità 2022, approvato con Deliberazione n. 68 del 30-12-2021 del Consiglio Direttivo dell’Azienda Speciale Parco di Porto Conte.

Quello che i pescatori della piccola pesca stanno contestando. Sei mesi di fermo e pesca non consentita con attrezzi, all’interno della Baia di Porto Conte, 100 nasse a mare  per non più di tre giorni consecutivi. E si preannunciano prese di posizione clamorose. Domani martedì, a Porta Terra, i pescatori potrebbero chiedere al Sindaco un incontro. Sono un folto gruppo, mica quattro esagitati, fanno capo all’associazione Banchina Mille lire. Da tempo chiedono di essere ascoltati, di poter condividere il disciplinare che è già operativo. Per loro sino ad oggi promesse, prese nel corso di una Commissione Consiliare presieduta da Christian Mulas ( LEGGI), nei giorni scorsi ne ha parlato persino la Presidente della Commissione attività produttive Monica Pulina (LEGGI), ma ad oggi niente.

Il portavoce Carmelo Mura in qualità di Vice Presidente dell’Associazione, non smentisce che ci sia  movimento per domani, ma nel dettaglio non vuole scendere. Corre voce che i pescatori abbiano in serbo per domani di compiere un gesto eclatante: consegnare al Sindaco le licenze di pesca.

Altro fronte, altro problema e per Mario Conoci si pone l’esigenza di capire e cercare una mediazione possibile, laddove le commissioni sino ad ora non hanno potuto. Sei mesi senza pescare nella Baia di Porto Conte senza nasse, reti e palangari, agita e non poco i pescatori, molti dei quali sono già dentro un incubo


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi