Giovedì 13 Maggio, aggiornato alle 10:47

Meteo ad Alghero: Meteo Alghero

Lo scontro sulla Sanità – l’Assessore Nieddu sulla rianimazione: i tecnici hanno chiesto una integrazione”. Mario Bruno: ” procedura chiusa”

Lo scontro sulla Sanità – l’Assessore Nieddu sulla rianimazione: i tecnici hanno chiesto una integrazione”. Mario Bruno: ” procedura chiusa”

Sull’ospedale Civile, così come su tutta la sanità algherese, non si torna indietro. Per il principale presidio della città abbiamo stanziato risorse importanti, come non si vedeva da tempo. Il piano di ammodernamento tecnologico ha già portato alla sostituzione di macchinari obsoleti: nuove tecnologie hanno sostituito attrezzature vecchie, in alcuni casi, di oltre trent’anni. Stiamo ristrutturando interi reparti e abbiamo realizzato una terapia intensiva che continuerà a funzionare anche quando l’emergenza Covid sarà finalmente conclusa“. Lo dichiara l’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu, sulle pagine della NUOVA oggi in edicola, che risponde in questo modo alla politica che hanno messo al centro l’ospedale e la sanità algherese(LEGGI) negli ultimi giorni, arrivando  a  sospendere sine die l’ assemblea civica, che aveva all’ordine del giorno da dibattere punti qualificanti, compreso il documento preparatorio del bilancio. Se i  gruppi consiliari Per Alghero – Forza Italia – Udc – 5 stelle – Pd – Fratelli d’Italia – Gruppo Misto – Riformatori – Futuro Comune – Noi con Alghero – Sinistra in Comune formano un fronte unico, compatto come non mai, significa che ad Alghero si è capito che è tempo di star uniti per rivendicare quanto promesso, oltre ogni colore e divisione politica.

L’assessore Nieddu afferma sempre dalle colonne della NUOVA:  “ Sulla rianimazione  non c’è mai stata alcuna ‘bocciatura’ I tecnici dell’assessorato hanno richiesto all’Ats un’integrazione. Una volta superata questa criticità la procedura ripartirà verso il via libera definitivo.
La risposta dell’assessore, attesa da giorni, arriva ad Alghero a mezzo stampa, e non era certo questo che la politica, tutta, unita come mai in altre circostanze, aveva chiesto. Una risposta quasi scontata che ripercorre gli interventi, dovuti, nell’ospedale di Alghero. Ha preso in contropiede i Consiglieri algheresi che hanno letto dalla stampa quello che loro vogliono si dibatta in aula, seppure virtuale. E quello che emerge a leggere le dichiarazioni dell’Assessore lascia intendere che la querelle sia tutt’altro che archiviata.

Mario Bruno, ex Sindaco è sul pezzo da tempo lo lascia intendere:  “Se tra qualche giorno l’assessore Nieddu verrà in aula, potremo entrare nel merito delle sue considerazioni. Dovrà soprattutto  chiarire i termini delle comunicazioni avvenute fra tecnici dell’Assessorato e la Direzione Generale Ats”.
Il riferimento di Mario Bruno è verso la conclusione del procedimento amministrativo di autorizzazione all’esercizio e accreditamento definitivo della struttura sanitaria destinata a terapia intensiva plurispecialistica nel Presidio  Ospedaliero di Alghero.
Il procedimento è formalmente concluso”- ribadisce Mario Bruno –  La comunicazione formale non dice sospeso, come afferma oggi l’Assessore Nieddu, dice concluso e concluso male.
Può smentirlo non con le parole, ma con atti, e sono quelli che noi attenderemo quando verrà in aula.
Insomma Mario Bruno non cede di un millimetro, la sua posizione è chiara e la sua pretesa è condivisa dalla maggioranza dei consiglieri comunali.

La conclusione negativa del procedimento è una bocciatura di un iter iniziato nel giugno 2020 ed arenato il aprile 2021, data in cui è stata comunicata dalla Regione la notizia della bocciatura per via della mancata integrazione di un allegato, che non è solo mero atto formale, doveva contenere infatti il numero e i nomi degli anestesisti sufficienti per poter accreditare il reparto. Mancherebbero quattro anestesisti, oltre ad infermieri e operatori. L’accreditamento definitivo è condizione fondamentale  per ottenere il DEA di primo livello che così viene minato alla base.
Ma sul tavolo dei chiarimenti che l’Assessor deve fornire alla politica Algherese, finisce anche   il concorso avviato nello scorso novembre per dotare anche Alghero degli anestesisti sufficienti per poter accreditare il reparto, con sei posti letto e uno d’isolamento,  bloccato inspiegabilmente. E l’ospedale civile di Alghero, oggi, ne fa le spese.
Eppure, quella terapia intensiva sta operando da un anno in emergenza per i pazienti covid, salvando vite umane, a supporto della rete covid in Sardegna. Una situazione paradossale che ha bisogno di chiarimenti e di prese di prese d’atto con predisposizione di procedure amministrative formali. Perché è risaputo “verba volant….
Nel mentre c’è sempre in piedi la protesta dei consiglieri comunali di Per Alghero – Forza Italia – Udc – 5 stelle – Pd – Fratelli d’Italia – Gruppo Misto – Riformatori – Futuro Comune – Noi con Alghero – Sinistra in Comune, che in aula non tornano, ma pretendono la presenza, in un Consiglio aperto, dell’Assessore alla Sanità Mario Nieddu e dei vertici Ats.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi