Martedì 31 Gennaio, aggiornato alle 22:40

La Nettuno gioca a tennis contro la Wilier e mister Spanu fa la rivoluzione

La Nettuno gioca a tennis contro la Wilier e mister Spanu fa la rivoluzione

La quindicesima giornata del campionato allievi provinciali, mette in evidenza la Nettuno, che dopo una disastrosa partita sul campo dello Sporting Sassari sette giorni fa, oggi contro  la Wilier, sfodera un’ottima prestazione regalando a  mister Attilio Spanu un sorriso che si merita. Una grande reazione che stupisce i presenti sugli spalti a  Santa Maria La Palma, con punteggio tennistico.
Cattura1.JPG
Insomma la Nettuno che  non ti aspetti, la si vede giocare bella, spigliata. Un 6-0 che si spiega tutto da solo. Poi, seguendo i ragazzi all’opera in campo, si scopre che mister Attilio Spanu, ha fatto una mezza rivoluzione. A casa sono rimasti sei gli elementi della formazione tipo.

Una decisione presa dal tecnico che, evidentemente, si è assunto tutte le responsabilità. Il risultato gli ha dato ragione. A fine gara lo abbiamo sentito,  ci è sembrato molto determinato, pacato nelle affermazioni, ma si è intuito che l’allenatore d’ora in avanti cambierà modo di operare, come una persona che si sente tradito.Cattura2

 

Mister Spano, ha fatto una rivoluzione?  – No, risponde il tecnico. Ho deciso in assoluta libertà, dopo essermi confrontato anche con la società,  di dare ai ragazzi un segnale. D’ora in poi, da parte mia si cambia atteggiamento.
Sino oggi sono stato per tutti un papà, mi sono reso disponibile su tutto, ma ho rilevato che qualcuno, forse, non si meritava tanto.

Ma si può sapere cosa è successo? È successo – prosegue il tecnico – che sovente qualcuno non rispetta il lavoro degli altri. Se si vogliono conseguire risultati, c’è necessità di fare sacrifici, c’è bisogno di allenarsi, c’è bisogno in una parola di rispettarsi l’un l’altro.

misterMa come mai si è arrivati a tanto? -Ho cercato sempre di mediare all’interno della squadra -prosegue Spanu – fra un gruppo sicuramente dotato che però talvolta ha dimostrato di non seguire alla lettera i miei insegnamenti. Parlo di allenamenti, di puntualità, di rispetto per le regole.

Si vede lontano un miglio che Attilio SPANU soffre e non poco il fatto che questa squadra in due partite abbia incassato la bellezza di 17 gol, troppi, che rischiano di minare l’autostima di ognuno .

Se una squadra è scarsa, attacca mister Spano, se  ne fa una ragione, nella NETTUNO invece, ci sono dei ragazzi molto interessanti, validi tecnicamente che però non hanno voglia di fare sacrifici, perché inutile che ci si giri  intorno, giocare al di calcio, come praticare altri sport, implica sacrifici, applicazione, rispetto delle regole,  e il rispetto delle regole ora per me, diventa fondamentale, non transigo piu in nulla, e la squadra la domenica sarà composta solo da giocatori che hanno voglia di seguirmi in questo mio discorso. Come si vede  – continua il tecnico –  oggi ho lasciato fuori squadra se gli elementi, tantissimi, ne sono cosciente, ma era un provvedimento che dovevo prendere, perché è bene che si sappia che in una squadra, o si sta tutti assieme e ci si sacrifica tutti, oppure si va incontro a figuracce come quelle che abbiamo fatto la settimana scorsa.
La Nettuno non è una squadra materasso, ne va della reputazione di tutti,  ma se in una partita c’è un cortocircuito che interessa tanti giocatori, le figuracce sono dietro l’angolo. E allora tanto vale che faccia giocare i ragazzi che hanno voglia, che si sacrificano, e a vedere il risultato di oggi forse ci danno qualche cosa in più. Chiaro che sono pronto a tornare indietro sulla mia decisione, a condizione che tutti ragazzi si rendano disponibili, come io lo sono con loro, e chiedo l’aiuto anche dei genitori, fondamentali per rispettare delle regole che devono valere per tutti.

Eravamo da tanto che non sentivamo un allenatore del settore giovanile parlare in maniera schietta e senza fronzoli. In un contesto sociale  dove ai giovani è concesso tutto nel nome di “sono ragazzi”c’è bisogno di persone che abbiano carisma e voglia di farsi rispettare,  perché è inutile che si giri attorno, gente come Attilio Spanu sono merce rara, uomini che fanno gli allenatori dei ragazzi con sana passione , togliendo tempo alla famiglia e agli hobby,  sbagliando talvolta, ma il bello è proprio questo, perché li fanno sentire persone normali.

NETTUNO Alghero: Demartis, Ventura, Pingiori, Caria F., Martulli, Scirica,
Carbone, Atzori, Iannaccone, Gallo, Cossu, Meloni.

reti:10′ Iannaccone,22′ Scirica, 43″ Atzori/Pingiori, 50′ Pingiori, 57′ Atzori
61′ Cossu

Nella foto la squadra che oggi è scesa in campo

 


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi