Giovedì 8 Dicembre, aggiornato alle 10:02

Allarme del WWF: rischiano di finire in discarica alcune tonnellate di sabbia raccolte in via Lido ad Alghero

Allarme del WWF: rischiano di finire in discarica alcune tonnellate di sabbia raccolte in via Lido ad Alghero

spiaggia maria piaIl Wwf, già all’inizio di dicembre scorso, ha chiesto all’amministrazione comunale di Alghero  (Sindaco e Assessore all’Ambiente) interventi per salvaguardare la sabbia che prevedibilmente in occasione di forte vento, viene portata via dalla spiaggia che si estende da San Giovanni sino a Maria Pia. La sabbia finisce sulla strada asfaltata e nei tombini andando ad intasare condutture e sottoservizi di raccolta delle acque bianche. Insomma un doppio danno: dissipazione di sabbia e intasamento delle condutture sotterranee. Una situazione che si ripete nel tempo, nota a tutti da sempre, quindi meritevole di interventi adeguati di prevenzione per mitigare gli effetti del vento.

            In questo inizio di nuovo anno, dopo l’ennesima burrasca di vento, si assiste aCopia di CONTENITORI SABBIA 3 interventi “passivi” di recupero della sabbia da via Lido. Abbiamo documentato che sono stati raccolti e accumulati almeno 3 contenitori (ciascuno della capacità di circa 1,2 metri cubi ovvero 2,3 tonnellate di capienza) pari a circa 7 (sette) tonnellate di sabbia finite sull’asfalto e schiacciate dagli pneumatici delle auto che hanno transitato in via Lido facendole diventare potenzialmente un “rifiuto speciale”. Ciò che è un bene ambientale prezioso come la sabbia ora rischia di essere smaltita, cioè buttata in discarica. Se ciò accadesse sarebbe un disastro davvero inaccettabile e paradossale se si pensa al lavoro che viene svolto in Sardegna e negli aeroporti dellisola, nel periodo estivo, per combattere i furti di sacchetti e bottiglie di granelli di preziosa sabbia dalle spiagge isolane.

            Il Wwf chiede, per scongiurare una simile eventualità, che la sabbia recuperata da via Lido venga caratterizzata, eventualmente bonificata e quindi reintegrata alla stessa spiaggia di appartenenza. Ma risulterebbe un’inutile fatica di Sisifo (ovvero un’impresa che richiede grande sforzo senza alcun risultato), poiché con la prima maestralata la sabbia finirebbe nuovamente sull’asfalto. E necessario programmare, per tempo, interventi mirati – magari curati dal Parco regionale di Porto Conte e dallarea marina protetta di Capo Caccia – al contenimento dellasportazione della sabbia dal litorale in occasione di tempeste di vento. Lo stato di salute del litorale sabbioso tra San Giovanni e Maria Pia – è sotto gli occhi di tutti – e i dati disponibili documentano una situazione che registra un accrescimento verso San Giovanni, un arretramento a Maria Pia. La complessa situazione scaturisce da cause diverse: gli ampliamenti del porto hanno contribuito alla modificazione della dinamica del moto ondoso sul litorale, la costruzione di edifici sulle dune e il mancato apporto di sedimenti dal bacino idrografico.

E opportuno ha dichiarato Carmelo Spada Delegato Wwf per la Sardegnastudiare strategie e mettere in atto interventi che consentano di mantenere e consolidare le spiagge perché significa aumentare la qualità della vita dei cittadini (residenti e ospiti) che possono usufruire del mare allinterno della città, facilmente raggiungibile senza lutilizzo di mezzi di trasporto inquinanti; inoltre non può essere trascurata limportanza del litorale sabbioso per il sistema turistico locale.

Intervenire per porre rimedio in un contesto alterato e complesso come quello attuale non è semplice, sarebbe stato opportuno valutare preventivamente gli impatti delle opere per realizzarle in maniera più oculata. Tuttavia alcuni interventi per quanto riguarda il contenimento dell’asportazione, in occasione di tempeste di vento, della sabbia dal litorale tra San Giovanni e Maria Pia, sono necessari. 

            Il Wwf, tra gli interventi auspica l’eliminazione della strada litoranea asfaltata che corre dalla pineta di Maria Pia sino al palazzo dei congressi da sostituire con una pista ciclabile mentre il traffico automobilistico andrebbe convogliato esclusivamente su viale Burruni.

Inoltre sarebbe importanteha proseguito il Delegato Wwf per la Sardegna la messa a dimora di piante pioniere endemiche a scarso sviluppo vegetativo superficiale, ma con ampi e diffusi apparati radicali che riducono la mobilità della sabbia e favoriscono la formazione delle dune”. 

            Il Wwf, auspica il posizionamento di barriere eco-compatibili efficaci come quelle installate dal comune di Cagliari nella spiaggia del Poetto, per trattenere la sabbia all’interno della spiaggia. E’ necessario, per le spiagge di Alghero, quantomeno rinnovare, visto lo stato di degrado, le barriere di cannucce danneggiate. “Inoltre ha concluso lesponente regionale del Wwf –  si potrebbe sperimentare un progetto dirrigazione dellarenile più prossimo alla città utilizzando lacqua dello stesso mare antistante la spiaggia di via Lido, sistema da far entrare in funzione in previsione di  forte vento. Questa strategia impedirebbe al vento di disperdere la sabbia che tra laltro andrebbe ad intasare le condutture dei sottoservizi per la raccolta delle acque piovane e il conseguente allagamento di viale XXIV Maggio e di via Lido.

Nella foto un’idea di progetto esposta dall’esponente regionale del WWF, un progetto d’irrigazione dell’arenile


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi