Sabato 28 Gennaio, aggiornato alle 22:52

Mario Bruno, alle 10 incontra “la storia” di Alghero

Mario Bruno, alle 10 incontra “la storia” di Alghero

Mario Bruno coglie l’occasione per condividere con gli ex sindaci di Alghero un percorso di pressing sulle istituzioni per far riaprire l’ufficio di rappresentanza della Generalitat de Catalunya, e parla, tramite il suo profilo Facebook, di questi personaggi, che ad Alghero hanno fatto storia, nel bene o nel male. Alle 10 sono attesi in via Columbano, e la curiosità, a tratti morbosa, riguarda chi NON ci sarà fra Tore Piccioni, Tore Scognamillo, Andrea Frulio , Enrico Loffredo , Andrea Frulio, Carlo Sechi, Tonino Baldino, Marco Tedde e Stefano Lubrano.

Ecco cosa dice il Sindaco Bruno: “alle 10, nella sala di rappresentanza di via Columbano, incontrerò gli ex sindaci di Alghero. Li ho sentiti uno per uno. Abbracciano un periodo storico di quarant’anni della nostra città. Gli anni del piano regolatore, degli insediamenti popolari a Cuguttu, San Michele e nelle borgate, di tante opere pubbliche, dei piani di zona e dei piani particolareggiati, dei depuratori a Maristella fino all’ultimo a San Marco, delle prime piante organiche del personale “sono arrivato quando in Comune c’era solo un laureato” mi ha detto Enrico Loffredo), fino all’università in città, alla passeggiata Barcellona, al Parco e all’Area Marina, allo sviluppo dello scalo, al completamento del porto, ai rapporti paritetici con la Catalogna, ai bastioni riqualificati, alle case popolari a La Segada, all’apertura dei musei, degli spazi a Lo Quarter, alla riqualificazione del teatro, alla biblioteca del mediterraneo, alla città della cultura. Storie che si intersecano perché ciò che uno ha ideato ha trovato il finanziamento dell’altro, la realizzazione da parte di un altro e il completamento da parte di un altro sindaco ancora. Tra la prima e la seconda repubblica, quando i partiti contavano e quando invece sono diventati fluidi e qualche volta evanescenti. Tutte storie cariche di pesi, responsabilità, oneri e onori, che meritano rispetto e gratitudine. Tutte persone che hanno amato e amano Alghero. Persone concrete. Come Alfonsino Ibba, che ha fatto il Sindaco per sette mesi in condizioni difficili, e oggi mi ha raccontato tante belle concretizzazioni, ma sul più bello del discorso mi ha detto: “lasciami andare ora, que tenc la bagna al foc”. Bellissimo. Più concreto di così? Ci siamo dati appuntamento a domani.

Nella foto il Sindaco Bruno fra Scognamillo e Piccioni


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi