Mercoledì 24 Aprile, aggiornato alle 21:38

Alghero è a destra, lo confermano i voti alle liste e al candidato Presidente. Forza Italia e Riformatori “tirano” la coalizione

Alghero è a destra, lo confermano i voti alle liste e al candidato Presidente. Forza Italia e Riformatori “tirano” la coalizione

Sono 8 221 pari al 42.05%  i voti del  Campo Largo a sostegno di Alessandra Todde composto da 10 Liste, 9996 voti a sostegno di Paolo Truzzu nel Centro Destra pari al 51,13%, poi 1238 voti  a sostegno di Renato Soru pari al 6,33%, e 95 voti a Lucia Chessa parti allo 0,49% . Sono i risultati della tornata elettorale Regionale ad  Alghero .

Il dato che emerge è che il candidato Presidente  Paolo Truzzu ad Alghero prende oltre 1.770 voti in più della sua avversaria Alessandra Todde.

Il primo partito ad Alghero, la lista più votata è Uniti per Alessandra Todde con 1.895 preferenze pari al 10,17%,  lista per intenderci che ha espresso l’unico candidato ora eletto consigliere regionale Valdo Di NOLFO. A seguire Il Partito Democratico con 1792 voti, poi ancora il Movimento Cinque Stelle con 1661 preferenze. La Coalizione a sostegno di Alessandra Todde quindi il Campo Largo prende 7014 voti. Già questo dato fa emergere in maniera eclatante lo scostamento del dato che riguarda il voto al presidente Todde, attestato a 8221 preferenze, una differenza di oltre 1770 voti. La coalizione sostegno di Paolo Truzzu prende complessivamente 10.599 voti pari al 56,88%, con una differenza fra i voti di lista e i voti al presidente di 603 preferenze. Fra il centro destra, è il centro sinistra ad Alghero risulta una distanza di oltre 3500 voti. Dato che si riscontra nei voti di lista quindi ai candidati e ai partiti. Questo consente di dare una lettura politica, che allo stato attuale, è poco confutabile: Alghero è a destra.

Il centro destra di Alghero è trainato in maniera inequivocabile  da Forza Italia con 2846 preferenze di lista, seguita da Riformatori Sardi con 2151 preferenze, seguita poi da Fratelli d’Italia con 1892 voti e dalla Lega Con 1714 voti di lista. Da qui si deve incominciare per dare una lettura in chiave futura degli avvenimenti politici che riguarderanno fra breve la città Di Alghero.

Neanche metabolizzata la vittoria ( o la sconfitta), nelle elezioni per il rinnovo del consiglio regionale della Sardegna e del suo presidente, che ad Alghero si pensa già alle elezioni amministrative. A maggio ad Alghero si rinnova il Consiglio Comunale e il Sindaco, e verso questo obiettivo e in quest’ottica si muovono le forze politiche locali. Una situazione complicata in città nel centro destra,  dove le contrapposizioni e le frizioni, hanno fatto esplodere le contraddizioni tutte interne a questo schieramento, nel rapporto deteriorato fra persone, provocando un tutti contro tutti che ha finito per danneggiare i candidati dello schieramento. La risultante, con la conseguente bocciatura dei candidati dimostra che l’offerta troppo ampia, ha finito per frammentare persino il consenso, finito nel rivolo generale con scarsi risultati verso il locale il territorio.

Ma dato che riguarda il centro destra complessivamente, fatto dalla sommatoria dei partiti che vi aderiscono, dicono che questo campo ad Alghero è maggioritario. Ora nell’ipotesi di un’alleanza futura, resta solo da capire chi si prenderà la briga di annodare i fili di un discorso interrotto, con obiettivo il  futuro prossimo. Per ora i partiti non parlano, c’è una strana attesa, va letta anch’essa.

Nel Campo Largo il primo a rompere gli indugi è stato il Partito Democratico che con il suo segretario è uscito pubblicamente per tessere le lodi di un successo che la segreteria cittadina si è appuntato. La segreteria parla di un nuovo corso ma c’è la presa di coscienza che non sarà facile,  ma si è pronti a caricarsi sulle spalle il fardello di una rinascita attesa e non più rinviabile. Chiamano gli alleati, tutti, indistintamente, forze politiche – si dice dal Partito Democratico –  con cui abbiamo costruito un rapporto molto solido finalizzata a raccogliere i frutti di quanto seminato in questi anni. Si parla di nuovo vento che soffia anche ad Alghero ,una visione sicuramente ottimistica ma che non può prescindere dal guardare ai voti, ai numeri contenuti nei voti di lista che hanno certificato che la distanza con il centro destra, oggi e  a questo punto, è ancora molto marcata. Sono  oltre 3500 voti di differenza e non sono pochi,  sono quelli che invitano a una grande prudenza e soprattutto a lavorare per un programma, che coinvolga tutte le forze politiche dell’opposizione. Obiettivo è catturare l’elettorato locale, oggi ad Alghero in maggioranza collocato a destra in maniera netta.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi