Venerdì 21 Giugno, aggiornato alle 19:24

Tore Burruni nella Hall of Fame del Pugilato Italiano, cerimonia a Forli, saranno presenti i figli

Tore Burruni nella Hall of Fame del Pugilato Italiano, cerimonia a Forli, saranno presenti i figli

Il Campione del Mondo Salvatore Burruni, verrà ricordato in occasione della edizione 2023 della Hall of Fame e il suo nominativo entrerà nella casa della gloria del pugilato italiano.
L’importante evento organizzato dal quotidiano online boxeringweb, quotidiano interamente dedicato al mondo del pugilato, diretto da Flavio Dell’Amore risulta tra i giornali online di
settore più letti in Europa.
La cerimonia di consegna dell’onorificenza, si svolgerà sabato 28 ottobre a Forlì nella prestigiosa cornice di Palazzo Albicini, parteciperanno alla serata e ritireranno il premio i figli del Campione algherese Gianfranco e Pier Paolo.
In questa occasione i figli di Tore, illustreranno “Una Statua per Tore” progetto organizzato per realizzare una statua in bronzo da posizionare nel concentrico cittadino di Alghero.
Questa iniziativa messa in campo dall’associazione APS Tore Burruni e il Comune di Alghero, gode anche del patrocinio della Fondazione di Sardegna, Camera di Commercio di Sassari,
partecipano per la realizzazione del progetto con fattivo contributo tanti tifosi e aziende del territorio, main sponsor l’azienda GBC Elettronics che ha accompagnato con il suo marchio le
principali gesta sportive del Campione Mondiale.
La Hall Of Fame Italia del pugilato, fa parte del circuito mondiale che si prefigge il compito di consegnare alla storia i massimi protagonisti di questo sport che ha dato tanto lustro al nostro
Paese, essendo in Italia uno sport dalle tradizioni più radicate.
Partner dell’evento sarà RAI Sport che proporrà un ampio servizio sulla manifestazione, presenteranno la serata Davide Novelli, inviato di Rai Sport, e Dario Torromeo giornalista e
scrittore.
La Rai sta producendo uno “special” per i novant’anni dalla nascita di Tore e sull’iniziativa “Una Statua per Tore”.
Burruni è stato l’ultimo campione del mondo totale prima dell’era delle sigle, è diventato campione del mondo dei pesi mosca WBC/WBA il 23 aprile 1965, battendo Pone Kingpetch al
PalaEur di Roma.

Ha vinto cinque combattimenti per la cintura italiana dei pesi mosca, nove per quella europea (sei nei pesi mosca, tre nei pesi gallo). Ha disputato 109 incontri in carriera, 99 vinti di cui 32 prima del limite, 9 persi e 1 pareggiato, medaglia d’oro al valore atletico e “Lupa Capitolina” massima onorificenza assegnata dal comune di Roma.
Ad arricchire la serata, gli “Hall of Fame” Francesco Damiani e Maurizio Stecca che presenteranno la loro biografia uscita recentemente nelle librerie.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi