Sabato 13 Aprile, aggiornato alle 19:04

Emergenza sangue. Avis Sardegna: “Gli ospedali d’estate non chiudono. Venite a donare”

Emergenza sangue. Avis Sardegna: “Gli ospedali d’estate non chiudono. Venite a donare”

“Gli ospedali d’estate non chiudono, le sale operatorie non chiudono, i trapianti si fanno, i pazienti anemici cronici continuano ad aver bisogno di trasfusioni: ecco perché è importante che le riserve di sangue negli ospedali siano sempre presenti”.
Lo hanno affermato il presidente dell’Avis Regionale Sardegna, Vincenzo Dore, e il direttore sanitario dell’Avis Regionale, dottor Marino Argiolas, nel corso di una conferenza stampa convocata questa mattina nella sede di Piazza Galilei 32 a Cagliari proprio per fare il punto sull’emergenza sangue nell’Isola e per lanciare un nuovo appello alla donazione.
“Rispetto al numero di abitanti – ha spiegato dottor Argiolas – la Sardegna è la regione che in Italia produce più sangue. Noi produciamo 51 unità per mille abitanti e questo dato dimostra che il sistema associativo funziona ed è in grado di rispondere alle emergenze anche con il minimo di tempo a disposizione sul fronte organizzativo. Il nostro problema maggiore, però, è che noi trasfondiamo molto di più rispetto alle altre regioni”.
Il 2023 conta, ad oggi, 30.579 unità prodotte, contro le 40.543 del 2022: l’Associazione ha rilevato quindi una diminuzione di donazioni del 2,4%, pari a 964 unità, ma a fronte di un aumento della richiesta del 3,3% quest’anno, ossia 1662 sacche trasfuse in più.
“Nel periodo estivo la popolazione in Sardegna aumenta considerevolmente e al contempo le donazioni di sangue subiscono un calo fisiologico dovuto alle partenze per le ferie. Sono tantissime le richieste di sangue che ci arrivano dagli ospedali costantemente in affanno – ha detto Vincenzo Dore – Alcuni interventi chirurgici sono saltati, così come qualche trasfusione”.
“Abbiamo registrato al momento grosse carenze soprattutto nei centri di Cagliari e Sassari perché servono il maggior numero di talassemici, solo nel capoluogo se ne contano 500″, ha sottolineato il direttore sanitario dell’Avis Sardegna.
Ed ecco l’appello: “Siamo in emergenza. Tutti noi possiamo aver bisogno di sangue. Quindi, prima di partire per le vacanze estive, chiunque sia nelle condizioni di poterlo fare, andate a donare sangue e cercate di avvicinare altre persone a questo atto di solidarietà. Siamo in piena emergenza e serve l’aiuto di tutti”, ha concluso il presidente dell’Avis Regionale Sardegna, Vincenzo Dore.

In foto Vincenzo Dore e Marino Argiolas


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi