Mercoledì 17 Aprile, aggiornato alle 7:22

Reflui sulla Laguna del Calich, Conoci: tuteleremo i nostri interessi portando avanti le azioni più idonee

Reflui sulla Laguna del Calich, Conoci: tuteleremo i nostri interessi portando avanti le azioni più idonee

Facendo seguito allo stallo venutosi a creare tra gli enti titolati alla gestione dei reflui del depuratore di San Marco ed alla conseguente immissione nella laguna del Calich, il sindaco di Alghero si dice pronto a tutelare in ogni sede la città rispetto ai potenziali danni d’immagine derivanti”.

Di fatto è scoppiata una guerra, dove ognuno si ripara da eventuali azioni che ogni parte in causa si dice pronta a promuovere. Ora è la volta del Sindaco Conoci che torna sulla questione:

“Arroccandosi ognuno sulle proprie posizioni in maniera intransigente, si acuiscono i problemi a discapito della corretta gestione della risorsa irrigua, delle campagne e dell’ambiente, con inevitabili ripercussioni sul delicato ecosistema del Calich”. Mario Conoci interviene in merito alla disputa accesa tra Consorzio di Bonifica della Nurra e Abbanoa sul riutilizzo delle acque reflue del depuratore di San Marco, evidenziando che, nonostante le interlocuzioni avanzate e mediate dal Comune, al fine di addivenire alla soluzione del problema evidenziato per l’immissione delle acque depurate nel sistema irriguo della Nurra, si prosegue con miopia ad un balletto sconcertante rispetto ad un fatto di primaria importanza per la città, la tutela ambientale e l’economia turistica del territorio. “Ci siamo fatti parte attiva per far dialogare i due soggetti titolati e interessati della gestione del sistema depurativo, ma l’odierno diniego all’utilizzo dei reflui a fini irrigui, nonostante Abbanoa certifichi che i valori delle acque siano conformi alla norma, fa riesplodere il problema. Non siamo giudici di questa vicenda, di sicuro esiste un soggetto danneggiato che è la laguna del Calich ed una comunità danneggiata, la città di Alghero. Auspichiamo pertanto che i due soggetti siedano con immediatezza attorno ad un tavolo e trovino le soluzioni più idonee. Naturalmente i danni ambientali e d’immagine conseguenti alle scelte dei due soggetti verranno valutati con attenzione nelle sedi opportune. Una cosa è certa, tuteleremo i nostri interessi portando avanti le azioni più idonee per salvaguardare da un punto di vista economico e ambientale l’immagine della Riviera del Corallo” chiude il sindaco.

foto d’archivio del Calich

 


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi