Sabato 13 Aprile, aggiornato alle 23:52

Confartigianato: La riforma del bonus 110% non ferma la voglia dei sardi di immobili riqualificati

Confartigianato: La riforma del bonus 110% non ferma la voglia dei sardi di immobili riqualificati

SUPERBONUS – La riforma del bonus 110% non ferma la voglia dei sardi
di immobili riqualificati e a basso impatto energetico. Nei primi 4
mesi del 2023 quasi 1.000 asseverazioni, con oltre 2 miliardi di
detrazioni. Maria Amelia Lai e Giacomo Meloni (Confartigianato Imprese
Sardegna): “Trend in frenata ma la mentalità è cambiata: i proprietari
utilizzano i risparmi nella casa, il bene privato per eccellenza”.

Anche se il Superbonus non brilla più come l’anno scorso, in Sardegna
la voglia di riqualificare gli immobili è più attiva che mai,
nonostante sul vecchio “110%” sia, praticamente, “calato il sipario”
con la riduzione delle detrazioni e la cancellazione di sconto in
fattura e cessioni crediti.

Nell’Isola, infatti, sono più di 2 i miliardi di euro maturati per
detrazioni a lavori conclusi e quasi mille le asseverazioni registrate
nei primi 4 mesi di quest’anno, nonostante cominci a registrarsi una
sensibile frenata della norma (soprattutto ad aprile).

Dall’analisi effettuata dall’Ufficio Studi di Confartigianato
Sardegna, che ha esaminato i dati rilasciati da ENEA e Ministero
dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, emerge come nel primo
quadrimestre di quest’anno (gennaio-aprile) le asseverazioni totali
siano state 998, per un ammontare totale delle detrazioni (maturate
per fine lavori) che ha raggiunto i 2miliardi e 36milioni. Nello
specifico nei condomini le asseverazioni nel primo quadrimestre del
2023 sono state 117 mentre quadrimestre settembre-dicembre 2022 furono
111, registrando così un incremento rispetto allo scorso quadrimestre
del 5,41%, con gli investimenti cresciuti del 36,58% (75milioni nel
2022 e 103 milioni nel 2023).

Sempre nel primo quadrimestre di quest’anno, nelle Villette le
asseverazioni hanno raggiunto le 694 con investimenti per 88milioni di
euro. Nelle Unità Indipendenti si sono registrate 187 asseverazioni,
per oltre 16milioni di investimenti.

Nel totale, le asseverazioni nei condomini sono arrivate a 837 per
investimenti di 837milioni di euro, le asseverazioni nelle villette a
10.247 con un giro d’affari di 1miliardo e 239milioni, e le
asseverazioni nelle unifamiliari a 3.092 con quasi 330milioni di euro
di investimenti. Ogni condominio ha investito, mediamente, 797.338
euro; per ogni villetta l’investimento medio è stato di 120.953 euro
mentre per le unifamiliari indipendenti si è arrivati a 106.661 euro.

“Anche se il trend è in calo e l’andamento da monitorare bene nei
prossimi mesi, in questo momento possiamo dire che i sardi hanno
ancora voglia di case sane, riqualificate, a basso impatto energetico
e ambientale – commenta Maria Amelia Lai, Presidente di
Confartigianato Imprese Sardegna – ciò avvalora anche il fatto di come
i proprietari siano disposti a utilizzare i risparmi per investire nel
bene privato per eccellenza: la casa”. “La mentalità sta cambiando –
prosegue la Presidente – e tutti dobbiamo prenderne atto e lavorare
affinché tutti gli immobili, privati e pubblici, possano raggiungere
quegli standard energetici e di qualità che l’Europa ci suggerisce”.

Tutto alla luce anche della “tempesta burocratica perfetta” che si è
abbattuta sulla norma: 248 interventi su cessioni e sconto per le
detrazioni fiscali edilizie e superbonus. Nel dettaglio 37 interventi
legislativi distribuiti su 19 differenti leggi, decreti legge e
decreti ministeriali, di cui 21 solo nell’ultimo anno ed equivalente
ad 1 modifica legislativa ogni 17 giorni. Inoltre, si sommano 10
provvedimenti del Direttore dell’Agenzia delle entrate e 201 documenti
di prassi, costituiti da 8 circolari, 5 risoluzioni, 169 risposte ad
interpello e 19 FAQ.

Secondo le analisi di Confartigianato Imprese Sardegna, in ogni caso,
questa misura ha interessato ancora una ridotta quantità di immobili a
uso abitativo: circa il 2,6% su un totale di 512.310 unità. Tale quota
percentuale pone l’Isola al 12esimo posto nella classifica nazionale:
al primo posto il Veneto con il 4,4% di edifici su cui è intervenuto
il 110%, seguito da Toscana con il 4% e la Lombardia con 3.9%. In coda
la Sicilia (ultima) con l’1,7% e poco prima la Liguria con il 2%,
contro una media nazionale del 3,1%.

“Una recente analisi del mercato immobiliare, condotta da Enea –
continua la Presidente – ha mostrato come nel 2021 sia cresciuta la
tendenza ad acquistare immobili con una classe energetica più elevata.
Senza dubbio, pur tra mille problemi, il vecchio Superbonus ha avuto
un’influenza rilevante sulla dinamicità virtuosa del mercato
immobiliare”. “Tuttavia – prosegue la Lai – la percentuale di immobili
nella classe energetica G è ancora la più alta; anche se c’è stato un
miglioramento nella qualità energetica degli immobili ristrutturati,
il mercato immobiliare è ancora chiaramente caratterizzato da
abitazioni di scarsa qualità dal punto di vista energetico”.

Giacomo Meloni, Presidente di Confartigianato Edilizia Sardegna
sostiene la necessità di “ripensare profondamente il sistema degli
incentivi nel settore dell’edilizia”. “Non devono gravare
esclusivamente sulle bollette di famiglie e imprese e, men che meno,
generare bolle speculative. Basta con gli interventi spot sottoposti a
continui ripensamenti”. “L’efficientamento energetico del patrimonio
immobiliare può essere una grande opportunità anche per l’Isola, ma
non deve trasformarsi in vessazione per cittadini ed imprese –
continua – la strada realmente efficace consiste nel progettare una
vera e propria strategia strutturale di lungo termine che scandisca
l’impiego di risorse pubbliche aggiuntive. In questo modo potremo
ottenere un ritorno positivo in termini di crescita del Pil e
orientare le scelte dei cittadini sulla qualità e l’efficienza
energetica delle abitazioni”. “Riqualificare e recuperare gli edifici
significa dare energia al mercato delle costruzioni – conclude Meloni
– percorrere con decisione questa strada significa anche porre le basi
di un nuovo sviluppo perché le costruzioni sono, da sempre, il driver
più importante per la domanda interna: un euro investito in edilizia
produce tre euro di Pil”.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi