Sabato 28 Gennaio, aggiornato alle 14:45

Andrea Montis lo aveva anticipato un anno fa: regolamentare i Comitati di Quartiere e di Borgata. I Capi Gruppo ne discuteranno in aula

Andrea Montis lo aveva anticipato un anno fa: regolamentare i Comitati di Quartiere e di Borgata. I Capi Gruppo ne discuteranno in aula

Ricordate tutte le diatribe che i Comitati di Quartiere si portano dietro? Tutte quelle polemiche legate alla riconoscimento da parte dell’amministrazione comunale, del fatto che ognuno si sia dotato di un proprio Statuto, e che si possa far valere all’interno della propria giurisdizione?

Non solo, persino l’area geografica di appartenenza talvolta viene messa in discussione. Tutto questo, così a grandi linee trattato, fra poco potrebbe essere oggetto di regolamentazione. Risulta infatti che tutti i capigruppo abbiano accettato di portare in consiglio comunale l’argomento, finalizzato all’approvazione di un regolamento uguale, unico per tutti i Comitati di Quartiere e di Borgata di Alghero.

Non più quindi diversificazioni, statuti ritagliati a misura, quello che per l’assessore Andrea Montis un paio di anni fa era un auspicio, rischia seriamente di diventare un punto qualificante della sua amministrazione da Assessore.

Ad oggi non è dato sapere su quali basi si cominci la discussione, ma aver appreso che da parte di tutti i capi gruppi consiliari c’è la volontà di mettere ordine a questa mezza giungla tutta nostrana, non può che essere accolto con soddisfazione da parte di tutti.

Il riconoscimento istituzionale,  l’autorevolezza dei Comitati di Quartiere e di Borgata, passa per delle regole unitarie che devono essere osservate da tutti. E sarà il punto di partenza per mettere all’angolo per sempre le delegittimazioni.

Persino la nostra intervista di oltre un anno fa va riletta e pesata meglio, quando Andrea Montis affermò : Riconosco  la necessità, su cui mi auguro possa aprirsi un dibattito politico, di riconoscere e regolamentare i comitati di quartiere e di borgata, così che possano avere totale riconoscimento e legittimità anche grazie ad un apposito regolamento che ponga tutti sullo stesso piano nello svolgimento partecipativo/consultivo e di proposta quale strumento democratico, ben diverso da quello di chi ha ruolo amministrativo e che diversamente sarebbe solo il caos”.

E la riproponiamo l’intervista, attuale ora più che mai, premonitrice di sicuro, vista con largo anticipo un esigenza che ora prende corpo.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi