Venerdì 3 Febbraio, aggiornato alle 23:14

Caso Punta Giglio. Forza Italia esprime soddisfazione per le sentenze del Tar Sardegna

Caso Punta Giglio. Forza Italia esprime soddisfazione per le sentenze del Tar Sardegna

“Forza Italia Alghero esprime soddisfazione per le due sentenze emesse il 22 novembre scorso dal TAR Sardegna e pubblicate in questi giorni – è l’inizio di una nota dei Consiglieri Comunali di Forza Italia che prosegue:

“Nel primo caso si tratta del ricorso presentato dalla Regione Sardegna contro il Comune di Alghero con oggetto l’annullamento dell’atto dell’ufficio SUAPE datato 18 gennaio 2022 di diniego della richiesta regionale, effettuata con nota del Servizio Osservatorio Ricerca e Sviluppo dell’Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio n. 533 del 12 gennaio 2022, di adottare apposito provvedimento interdittivo alla prosecuzione dell’attività di casa per ferie da parte della Società Cooperativa Il Quinto Elemento. I giudici hanno rigettato il ricorso, dando credito alla linea tenuta dal Comune di Alghero.

Nel secondo caso si tratta del ricorso promosso dal Comitato Spontaneo Punta Giglio Libera contro il Comune di Alghero, l’Agenzia del Demanio di Cagliari, la Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio per le province di Sassari e Nuoro e nei confronti della Cooperativa Il Quinto Elemento per chiedere l’annullamento di tutti i provvedimenti che avevano consentito alla cooperativa di procedere con i lavori. “Le censure sono infondate” così si legge tra le pagine della sentenza con la quale i giudici hanno rigettato questo ulteriore ricorso.

Una vicenda che sembra destinata a non concludersi con le sentenze del TAR e che certifica il buon operato dei soggetti chiamati in causa. Allo stesso tempo viene da chiedersi per quale motivo chi oggi propone esposti e denunce contro l’intervento di restauro, risanamento conservativo, rifunzionalizzazione e allestimento museale delle ex strutture militari di Punta Giglio, rimase in silenzio quando nel 2017 l’Agenzia del Demanio pubblicò il bando e nel luglio del 2018 la postazione antiaerea di Punta Giglio venne affidata gratuitamente in concessione per nove anni più nove ad una cooperativa. In quella occasione – rimarcano i consiglieri azzurri – solo Forza Italia protestò ed intervenne criticamente”. 


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi