Sabato 28 Gennaio, aggiornato alle 22:50

La Sardegna al Consiglio d’Europa con Pahler, giovane politico nominato nella YEP

La Sardegna al Consiglio d’Europa con Pahler, giovane politico nominato nella YEP

La Sardegna al Consiglio d’Europa con Pahler, giovane politico nominato nella YEP, in occasione della 152a sessione plenaria del CdR

 

Oltre 40 membri del programma Giovani eletti politici (YEP) del Comitato europeo delle regioni si sono recati a Bruxelles per la 152a sessione plenaria del CdR dal 30 novembre al 1° dicembre. Sono sindaci, consiglieri comunali e membri dei parlamenti regionali che non hanno più di 40 anni e hanno espresso il loro impegno a creare un ponte tra il livello di governo locale e quello europeo.

 

Il Comitato europeo delle regioni (CdR) è un’assemblea politica dell’UE composta da 329 politici locali e regionali di tutta Europa, con sede a Bruxelles. Il CdR è il braccio istituzionale di oltre un milione di politici locali dell’UE e funge da loro voce nei confronti delle istituzioni dell’UE coinvolte nelle leggi dell’UE: la Commissione europea, il Parlamento europeo e il Consiglio dei ministri dell’UE.

 

Gli YEP sono stati invitati dal CdR a riferire e discutere con i responsabili delle decisioni dell’UE su argomenti che, in quanto giovani politici, considerano importanti. È per loro un’opportunità unica, in quanto rappresentanti del livello di governance più vicino ai cittadini, di portare le preoccupazioni e le domande dei cittadini dai loro collegi elettorali alle istituzioni dell’UE. In occasione della plenaria del CdR del dicembre 2022, hanno deciso di dedicare due giorni ai loro impegni per partecipare a seminari e dibattiti sulla Carta dei giovani e della democrazia. Questa carta intende promuovere la partecipazione dei giovani istituendo meccanismi di consultazione permanente con i giovani, mettendo alla prova la nuova legislazione per i giovani e rafforzando i programmi dell’UE per i giovani.

 

Il loro programma comprendeva una master class sul ripristino della natura a livello urbano con il relatore del CdR per la legge sul ripristino della natura, Roby BIWER. Il membro del CdR Vincent Chauvet ha sottolineato l’importanza della partecipazione delle città e delle regioni alla COP27, dove ha rappresentato i governi locali e le autorità municipali (LGMA). Lo strumentario del CdR per l’adattamento climatico, il manuale del Green Deal, è stato presentato agli YEP per aiutarli a preparare le loro regioni e ricevere tutta l’assistenza disponibile dell’UE.

 

La diversità del gruppo significava che avevano una ricchezza di esperienze ed esempi da condividere tra loro sulle buone pratiche e sui mezzi per superare i dilemmi comuni. Questa settimana, che li ha portati dal CdR al Consiglio e di nuovo al CdR, ha offerto loro l’opportunità di assistere e partecipare in prima persona al processo di contributo locale e regionale alla legislazione dell’UE.

 

Gli YEP torneranno nei loro collegi elettorali in tutta l’UE con nuovo entusiasmo, idee e comprensione su come possono servire le loro comunità e portare l’Europa a livello locale.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi