Giovedì 2 Febbraio, aggiornato alle 8:15

Il Presidente dell’Aia di Sassari Fresi denuncia tre persone, l’Alghero chiamata in causa si dichiara totalmente estranea al pari del Latte Dolce

Il Presidente dell’Aia di Sassari Fresi denuncia tre persone, l’Alghero chiamata in causa si dichiara totalmente estranea al pari del Latte Dolce

Grave aggressione ieri sul campo del Latte Dolce, a Sassari, ai danni del Presidente locale dell’Associazione nazionale Arbitri, Emanuele Fresi. L’episodio è avvenuto quasi al termine della partita del campionato Allievi tra la squadra del Latte Dolce Accademy  e quella dell’ Alghero” lo riporta con dovizie di particolari l’Unione Sarda (LEGGI). La partita di Allivi si giocava sul campo di Latte Dolce a Sassari. L’articolo riporta  che  “una persona avrebbe insultato dalle tribune l’arbitro 18enne con frasi ingiuriose minacciandolo”

Sul campo c’era il Presidente della Sezione Aia di Sassari Emanuele Fresi, che con il cellulare avrebbe scattato una foto  all’uomo. Quello che è successo dopo è sempre raccontato dal giornale: sarebbe stato inseguito preso per il bavero, con richiesta di “far vedere  il cellulare”. Emanuele Fresi si sarebbe allontanato e nello spiazzo antistante fra tribuna e parcheggio sarebbe stato circondato con il tentativo di percuoterlo,  al suo indirizzo sarebbero state indirizzate parole pesanti. La chiamata della Polizia è stata risolutiva, ma stamattina il Presidente Fresi avrebbe sporto denuncia nei confronti di tre persone.

Del fattaccio ne da ampio risalto anche la Nuova Sardegna (LEGGI), e la notizia in un battibaleno ad Alghero rimbalza con tutto quanto ne può conseguire. Illazioni, supposizioni, in ballo si tira una società, l’Alghero,  che con i giovani da anni lavora egregiamente, con risultati eccellenti tali da proiettarla fra le migliori in Sardegna. Ora dopo che il tritatore mediatico si è messo in moto, l’Alghero si difende. Si affida a un comunicato di poche righe e la difesa e la presa di distanza è totale. Ecco la nota divulgata, pubblicata sulla propria pagina social, dove si legge:

A seguito della notizia, battuta a mezzo stampa nel primo pomeriggio, riguardante l’aggressione ad un giovane arbitro e ad un dirigente durante la gara Allievi regionali, la società intende fare chiarezza.  In primo luogo, l’episodio è avvenuto a Sassari dove i nostri allievi disputavano la gara di campionato : Academy Latte Dolce – Alghero e quindi non ad 𝗔𝗹𝗴𝗵𝗲𝗿𝗼, come erroneamente riportato dalle testate giornalistiche.

Inoltre, nessuno dei nostri tesserati né tantomeno genitori, si è reso protagonista della vicenda descritta. Ci dichiariamo quindi, in maniera ferma e convinta, totalmente 𝙚𝙨𝙩𝙧𝙖𝙣𝙚𝙞 ai fatti, condannando l’accaduto che rappresenta quanto di più lontano ai valori etici e sportivi della nostra società.

E la presa di distanza ai fatt arriva anche dall’Accademy Latte Dolce, sulla pagina Fb si legge:
L’Academy Latte Dolce prende le distanze e si dissocia da quanto accaduto durante la partita Academy Latte Dolce-Alghero nella categoria Allievi Regionali.
Il sodalizio biancoceleste si è sempre distinto per correttezza e fair play e ritiene inqualificabili comportamenti di questo calibro e condanna ogni tipo di violenza.
L’Academy Latte Dolce e il Presidente Giancarlo Scarpa porgono massima solidarietà a Emanuele Fresi e all’Associazione Italiana Arbitri, oltre che all’Alghero Calcio e auspicano che non si debbano più ripetere tali episodi incresciosi.

Tutto chiaro ? a leggere il documento dell’Alghero e dell’Academy Latte Dolce  di sicuro. C’è però in piedi una denuncia sporta da Emanuele Fresi in Questura a Sassari, e proprio per questo ci sono le indagini.  Ma chi siano queste persone, ad ora, non è dato sapere.

Nella foto Emanuele Fresi Presidente dell’AIA di Sassari ( Fonte AIA)

Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi