Sabato 28 Gennaio, aggiornato alle 14:45

L’Opinione di Monica Chessa :”facciamoci aiutare quando non possiamo arrivarci da soli, il voto è un’opportunità di cambiamento”

L’Opinione di Monica Chessa :”facciamoci aiutare quando non possiamo arrivarci da soli, il voto è un’opportunità di cambiamento”

“È sempre più difficile far sentire la voce dei più deboli e delle persone semplici, della gente che spesso viene
dimenticata nei propri drammi familiari e non riesce più neanche a trovare la forza per chiedere aiuto. Questo
è il momento per muovere le proprie gambe e partecipare al rinnovo del Parlamento italiano. Tutti respiriamo
oggi un clima di indifferenza, ma non bisogna farsi trasportare dalla protesta che non si esprime, quella che
resterà a casa a disertare le urne quasi per dispetto, come se non votare significhi punire, ma forse è arrivato
il momento di capire lo sbaglio, il tranello dellauto esclusione dalla scelta di essere liberi di non farsi
amministrare dalle persone che non ci rappresentano. Siamo arrivati al tempo dei giusti equilibri, da questa
volta avremo un Parlamento ridotto di ben 345 unità, tra senatori e deputati e questo farà si che ci si orienti
verso scelte efficaci, unico mezzo possibile per dare voce certa al nostro territorio.

Da tempo ormai la Politica nuova ha subito una riqualificazione ideologica che ha spinto gli uomini di governo
a garantire dei seggi dedicati alla rappresentanza femminile, molti non sono daccordo, ma noi crediamo
invece che sia un enorme passo avanti verso la parità dei diritti, segno indiscutibile di progresso verso una
civiltà più matura e trasparente. Noi del Dipartimento Pari Opportunità della Lega Salvini, stiamo cercando
in tutti i modi di far capire alle persone che la tendenza innescatasi dopo gli ultimi eventi politici nazionali,
sia dannosa per la libertà e che questa riduca le opportunità di vivere un paese migliore per ognuno di noi
cittadini. Non ha alcun senso fare spallucce e restare a casa in segno di rivalsa, bisogna invece essere molti di
più, più uniti anche con idee e proposte diverse, ma comunque presenti.

Ci si aspetta tanto anche dalle nuove generazioni ed è nostro compito dare lesempio, spiegare il valore di un
evento così importante come lelezione di un nuovo Parlamento italiano; pertanto, spendiamo più parole con
i nostri figli verso una educazione civica che preveda limpegno ed il servizio dei cittadini rivolto a garantire
un coinvolgimento collettivo nelle scelte del futuro di questa Italia. Le fasce di popolazione più deboli e quelle
diversamente abili vanno aiutate, coinvolte e rese protagoniste di questo storico momento dove gli orizzonti
sembrano confusi, ma è importantissimo partecipare con responsabilità e impegno. Presto lestate sarà finita
e si ripresenteranno tutti i difficili nodi che comprendono anche lo scenario internazionale, gravato
pesantemente da quella guerra tra popoli che non sarebbe mai dovuta iniziare, per questo dobbiamo
interessarci ai problemi, sia più vicini che di interesse generale, ascoltiamo le proposte dei politici e
spendiamo un po del nostro tempo per fare delle valutazioni che possano spingerci verso una direzione
giusta. Non capire non significa essere meno capaci degli altri, bisogna semplicemente avere pazienza, magari
informarsi meglio e approfondire nei dettagli, facciamoci aiutare quando non possiamo arrivarci da soli, il
voto è unopportunità di cambiamento, di miglioramento e di libertà verso una crescita incondizionata del
nostro paese”, chiude la 
Coordinatrice Regionale del Dipartimento Regionale Pari Opportunità della Lega Salvini Sardegna Monica Chessa


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi