Lunedì 30 Gennaio, aggiornato alle 22:40

VIDEO – I Litfiba infiammano l’anfiteatro di Alghero, un live consegnato alla storia del rock

VIDEO – I Litfiba infiammano l’anfiteatro di Alghero, un live consegnato alla storia del rock

Fantastico concerto quello dei Litfiba ieri nell’Anfiteatro Ivan Graziani ad Alghero. Folla di fans, amanti della musica rock della band Fiorentina non sono rimasti delusi. Due ore e mezza di energia, adrenalina pura sprizzata dal palco dove Piero Pelù, il front men dei Litfiba, non si è risparmiato, ha dato il meglio di sé confermando di essere un numero uno assoluto.

Due ore e mezza cantando, saltando, sudando per migliaiaidi appassionati. La serata, dal punto di vista meteo abbastanza complicata, per la gran massa d’aria calda che da giorni assale la nostra città, non ha mollato la presa neanche a tarda ora.

Alle 9:30 in punto Piero Pelù è salito sul palco, è partito scandendo le parole delle sue canzoni, “l’ultimo girone dei Litfiba”, il tour d’addio dopo 42 anni di scena, è stato un ripercorrere la storia di questa celebre band, pietra miliare nel rock italiano.

Piero Pelù e Ghigo Renzulli, anime della band nata in una cantina di Firenze ha conquistato conquistare una platea internazionale.  Sul palco ad Alghero un grande concerto, l’ultimo in Sardegna, del loro ultimo grande tour che in questa torrida estate fa piangere lacrime d’amore a chi comprende che quest band non ci sarà più

Il tour d’addio quello dei Litfiba, ma Luca “Luc Mitraglia” Martelli alla batteria, Fabrizio “Simoncia” Simoncioni alle tastiere e Dado “Black Dado” Neri al basso sono stati davvero al top della loro performance. La scaletta proposta dai Litfiba, non hanno dato il tempo di respirare, l’apertura con ritmo,  la preda,  lui nel vento , papaia,, Istanbul, Vivere il mio tempo, Fata Morgana e  ancora Spirito, e poi un capolavoro autentico dove quello che è successo di fatto è stato consegnato la storia. Mentre andavano le note de el Diablo, il front men Piero Pelù ha chiamato i suoi fans esorcizzare il male e chi voleva male, eventualmente ,all’interno dell’arena, tutti in ginocchio, nessuno escluso. Un’autentica chicca  coinvolgente, che è stata salutata con una ovazione dal numerosissimo pubblico presente (vedi il video)

Si parla di non meno di  4500 persone presenti, che non sono volute mancare all’ultimo giro di questo grande complesso rock.

Un grande evento musicale in quest’estate algherese con l’organizzazione di Insula eevents, con il supporto della Fondazione Alghero, del Comune di Alghero e la collaborazione di Sardegna concerti friends and partners.

Ed è stata persino sfatata l’illazzazione che la Fondazione Alghero avesse strizzato l’occhio solamente ai giovanissimi, ieri all’interno dell’Arena Ivan Graziani si è visto un mondo trasversale che cantava e ballava. Giovani , giovanissimi e persone di mezza età, tutti uniti e accomunati dalla passione per questo tipo di musica che si vive stando vicini, cantando, partecipando.

Al grande evento di musica Rock, che verrò consegnato alla storia, non è voluto mancare il Sindaco di Alghero Mario Conoci, che insieme al Presidente della Fondazione Alghero Andrea Delogu hanno seguito l’evento nel parterre, mimetizzati con il gran pubblico.

Unico neo in una serata magica, l’ingorgo in ingresso all’anfiteatro, alle 21,30, all’esterno ordinatamente in fila c’erano centinaia e centinaia di persone ( foto), particolare che non è passato inossevato al Presidente della Fondazione Alghero, Andrea Delogu seppur soddisfatto per la presenza imponente di persone, si è detto molto rammaricato, un imprevvisto in una macchian organizzativa davvero complessa, dove un minimo contrattempo fa saltare il meccanismo che non accetta contrattempi.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi