Giovedì 29 Settembre, aggiornato alle 20:24

Santu Lussurgiu, #CosCiSiamoPersi nei giardini pubblici Gavino Murgia e Arrogalla

  • In Eventi
  • 10 Agosto 2022, 08:51
Santu Lussurgiu, #CosCiSiamoPersi nei giardini pubblici Gavino Murgia e Arrogalla

L’arte, l’esistente, la storia, la suggestione, la performance . Sulla scena l’estro di Gavino Murgia e Arrogalla . Una giornata diversa, da un’idea di Altrove – agenzia creativa

Cosa ci siamo persi? Perché forse davvero ci siamo persi qualcosa, perché forse davvero non abbiamo saputo cogliere l’opportunità, pensandola in maniera più ampia, da sardi” afferma Luca Zoccheddu, Ceo di Altrove, nel raccontare l’idea sbocciata nella straordinaria performance di Ula Tirso e ora “trasportata” frase le case e le strade di Santu Lussurgiu.

Mercoledì 11 agosto i giardini pubblici di Santu Lussurgiu (h 21) saranno teatro del progetto #CosCiSiamoPersi e al contempo scenario di una nuova pagina di un racconto tutto suoni, sensazioni, appartenenza e ricerca. Una storia che avrà come narratori d’eccezione due  grandi artisti sbocciati ormai da tempo alla ribalta del panorama isolano, italiano e internazionale: Arrogalla e Gavino Murgia.

#CosaCiSiamoPersi perché in Sardegna, davvero, probabilmente, ci si è persi per strada opportunità, idee ed esperienze. E #CosaCiSiamoPersi perché rimanga, sempre, almeno una domanda aperta cui tentare di dare risposte. #CosaCiSiamoPersi parte da un cantiere di idee ancora aperto presso la diga di Santa Chiara ad Ula Tirso, e raggiunge Santu Lussurgiu, per forte volontà dalla locale Amministrazione Comunale ancora. #CosaCiSiamoPersi è una performance, sonorizzazione, guidata da un duo d’eccezione: Francesco Medda Arrogalla e Gavino Murgia. #CosaCiSiamoPersi è un piccolo dono, perso e ritrovato, dedicato a chi lo ha cercato e a chi invece nemmeno sapeva della sua potenziale esistenza.

Il progetto #CosaCiSiamoPersie è di “Altrove” // Agenzia Creativa di Luca Zoccheddu, realizzato con un contributo della Fondazione di Sardegna. Non nasce nel venti ventidue, ma ora trova finalmente sviluppo e attuazione.

Omaggiare l’esistente, illuminandolo grazie all’arte: obiettivo possibile diventato progetto. Grandi artisti di radice sarda ad animare la scena su un palcoscenico rappresentato da ciò che esiste e circonda e “vive” la quotidianità del paese. Una situazione di impatto, artisti, musicisti, compositori, interpreti d’estro e d’arti, diversi e quindi complementari e funzionali come Gavino Murgia e Arrogalla a dare forma ad una contaminazione attiva, bella, intensa, inedita e propositiva.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi