Venerdì 19 Aprile, aggiornato alle 16:05

Island X Prix, Rosberg X Racing penalizzato per il contatto con Sainz finito in Ospedale

Island X Prix, Rosberg X Racing penalizzato per il contatto con Sainz finito in Ospedale

Island X Prix, Rosberg X Racing perde la vittoria dopo la penalità per il contatto con Carlos Sainz, poi trasferito in ospedale precauzionalmente per accertamenti e subito dimesso.

Vigile e cosciente dopo un cappottamento causato da un contatto con la vettura del Rosberg X Racing guidata dallo svedese Johan Kristoffersson, penalizzato di 30” e sceso al terzo gradino del podio.

Il pilota due volte campione del mondo di rally, Carlos Sainz, è stato precauzionalmente trasportato in ospedale per accertamenti dopo l’incidente che oggi pomeriggio lo ha visto coinvolto nella finale dell’Island X Prix 1 di Extreme E, disputato a Teulada all’interno dell’Area Addestrativa dell’Esercito. Il driver spagnolo, sempre vigile e cosciente, è stato portato precauzionalmente in ospedale per degli accertamenti strumentali e dimesso in serata.

L’Odyssey21, Suv elettrico del Team Acciona guidato dal padre del pilota della Ferrari, Carlos Sainz Junior, si era capottato dopo la partenza in seguito a un contatto con la vettura del Rosberg X Racing guidata dallo svedese Johan Kristoffersson, che in un primo momento aveva vinto la gara. Tuttavia, a seguito dell’incidente, gli steward hanno avviato delle investigazioni e sanzionato il team di Rosberg con una penalità di 30” che li ha fatti scivolare al 3º posto. La vittoria della gara va dunque agli americani Sara Prince e Kyle Leduc (Ganassi Team), seconda l’italiana Tamara Molinaro e il tedesco Timo Scheider (Xite Energy Racing), terzi Kristoffersson e Åhlin-Kottulinsky del Rosberg X Racing.

“Carlos Sainz del Team Acciona|Sainz è stato coinvolto in un contatto con RxR nei momenti iniziali della finale del Neom Island X Prix di Extreme E, nel pomeriggio di oggi in Sardegna. È stato precauzionalmente sottoposto a un check-up completo in ospedale e dimesso in serata”, ha commentato in una nota Alejandro Agag, fondatore e Ceo di Extreme E. “La sicurezza dei nostri piloti è la nostra più grande priorità. Io e tutta la famiglia di Extreme E facciamo gli auguri a Carlos e speriamo di rivederlo in azione nel nostro Island X Prix 2”.

DOMANI – Domani una giornata di riposo, con lo staff impegnato negli appuntamenti del Legacy Programme sulla riforestazione della posidonia marina, poi sabato 9 e domenica 10 si replicherà, con un’altra gara che sarà valida come terza prova dell’Extreme E 2022, serie internazionale riservata ai Suv elettrici.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi