Martedì 31 Gennaio, aggiornato alle 23:09

Éntula, il 23 Maggio Giuliana Sgrena a Cagliari, il 25 Maggio Luca Telese a Sassari

Éntula, il 23 Maggio Giuliana Sgrena  a Cagliari, il 25 Maggio Luca Telese  a Sassari

Éntula a Cagliari e Sassari. Il 23 Maggio Giuliana Sgrena presenta a Cagliari “Donne Ingannate” e Il 25 Maggio Luca Telese presenta a Sassari “La Scorta Di Enrico”.

Il 23 maggio a Cagliari Giuliana Sgrena presenterà “Donne ingannate”, un pamphlet lucido e sferzante che ci rivela quanto ancora oggi sia complesso opporsi alle richieste dei padri, dello Stato, della Chiesa o dell’imam.
Il 25 maggio Luca Telese sarà a Sassari in occasione delle celebrazioni per il centenario della nascita di Enrico Berlinguer (25 maggio 1922) e presenterà “La scorta di Enrico”, libro ricco di ricordi, aneddoti e retroscena che offre uno sguardo “dal basso” sulla figura del grande leader.

L’evento a Cagliari con Giuliana Sgrena

Lunedì 23 maggio a Cagliari alle ore 18:30, presso il Polo Bibliotecario Falzarego 35, Giuliana Sgrena presenterà in Éntula “Donne ingannate”, in dialogo con Bruna Biondo. L’evento è organizzato in collaborazione con Polo bibliotecario Falzarego 35, Arc, Centro Internazionale del Fumetto, Centro di Documentazione e Studi delle Donne di Cagliari, Libreria Mieleamaro, Sardex.

È partendo dalla riflessione sul tema del velo, tra scelta e imposizione, che Giuliana Sgrena affronta uno dei nodi cruciali del contemporaneo: il rapporto tra libertà e religione. Lo fa attraverso la voce delle donne che ha incontrato durante i suoi reportage in Medio Oriente: ragazze e donne meno giovani, guerrigliere e prigioniere politiche, che raccontano qui la storia delle loro lotte, delle loro detenzioni e, in alcuni casi, delle violenze che hanno subito a causa dei loro desideri e della loro voglia di indipendenza. Sgrena ci conduce nell’Afghanistan dei talebani, nell’Iran di Khamenei, nel Maghreb delle rivoluzioni fallite, rivelando il volto più reazionario di una società che impedisce alle donne di esprimersi, con diktat che vanno dal vestiario al rapporto con gli altri, dal sesso fino all’amore. La sua critica si spinge però molto oltre, puntando il dito contro chi in Occidente afferma di fatto, in nome del relativismo culturale, la legittimità dell’oppressione femminile nelle scuole e per le strade; e questo, nonostante i tanti femminicidi perpetrati ai danni di donne musulmane di seconda generazione. Donne ingannate è un pamphlet lucido e sferzante, che ci rivela quanto ancora oggi sia complesso opporsi alle richieste dei padri, dello Stato, della Chiesa o dell’imam. Quello di Giuliana Sgrena è un accalorato invito ad aprire gli occhi, a rifiutare l’inganno e a squarciare il velo.

Giuliana Sgrena (Masera, 1948) è giornalista e scrittrice. Storica inviata del manifesto, ha realizzato numerosi reportage dai teatri di guerra del Medio Oriente e dell’Africa, tra cui l’Iraq, l’Afghanistan, l’Algeria e la Somalia. Per il Saggiatore ha pubblicato Rivoluzioni violate (2014), Dio odia le donne (2016) e Manifesto per la verità (2019).

L’evento a Sassari con Luca Telese

Mercoledì 25 maggio a Sassari ore 18:30, presso il Cineteatro Astra in Corso Francesco Cossiga 5, Luca Telese presenta in Éntula “La scorta di Enrico”, con interventi dei Tenores di Neoneli dal progetto “BERLINGUER, un’Omine, una Vida”.
L’evento è organizzato in collaborazione con Fondazione Berlinguer, Libreria Koinè, Tenores di Neoneli, Studio Massaiu, Florgarden e Sardex.

Nell’ambito delle celebrazioni per il centenario della nascita di Enrico Berlinguer (25 maggio 1922), Luca Telese offrirà al pubblico uno sguardo “dal basso” sulla figura del grande leader, grazie a un libro ricco di ricordi, aneddoti e retroscena.

Al di là della sua figura di leader e delle geometrie politiche, il mito di Enrico Berlinguer è in larga parte popolare: creato dal basso, dall’affetto dei militanti, dalla lealtà dei suoi. Primi fra tutti gli uomini della scorta, come Alberto Menichelli e Roberto Bertuzzi, per cui proteggere il Segretario era una vera e propria missione. O i “compagni” che costruirono per lui la prima auto blindata d’Italia, montando il vetro antiproiettile e le lastre d’acciaio alle portiere, in un tempo in cui nemmeno i più potenti democristiani potevano permettersi questo lusso. O i fedelissimi che si davano il cambio per vegliare sulla sua casa – senza mai rivelare dove si trovasse – e lo scortavano agli eventi usando una macchina ogni volta diversa, per depistare le Br. E tanti altri, che Luca Telese ritrova e fa parlare inseguendo le ultime memorie di un tempo, di un partito e di un uomo che suscitano oggi diffusa nostalgia. L’attentato di Sofia del 1973, l’agguato fallito grazie a un litro di latte, il giorno in cui il segretario sfuggì alla scorta per amore di qualche ora di libertà… Un ritratto personale e politico, disegnato con la mano partecipe di un testimone e narratore d’eccezione della storia italiana.

Luca Telese è giornalista, autore e conduttore televisivo e radiofonico. Ha pubblicato molti saggi sulla storia politica recente del nostro Paese tra cui il longseller Cuori Neri (Sperling & Kupfer 2006). Con Solferino ha pubblicato Turbopopulismo (2019, con Marco Revelli), Cuori rossoblù (2020), Cuori campioni (2021) e la riedizione aggiornata del bestseller Qualcuno era comunista (2021).

Informazioni aggiuntive

Link alla pagina web dell’evento con Giuliana Sgrena qui
Link alla pagina web dell’evento con Luca Telese qui

Immagini

Copertine libri, locandine per web e stampa in allegato all’email

__________________________

Il programma generale del festival Éntula 2022

Il festival Éntula 2022 è appena cominciato; gli eventi con Giuliana Sgrena e Luca Telese sono stati preceduti da incontri con Antonio Pascale, Simona Baldelli, Cristian Mannu, Igiaba Scego e Gherardo Colombo e seguiranno 8 mesi di presentazioni e incontri con autori sardi e italiani nei piccoli e grandi centri della Sardegna, dove la comunità di Lìberos, composta da lettori e lettrici, biblioteche, librerie, associazioni, scrittori e scrittrici potrà ritrovarsi.

Questi i nomi già confermati di questa decima edizione: Roberta Balestrucci, Andrea Franzoso, Piergiorgio Pulixi, Dario Vergassola, Chiara Valerio, Dacia Maraini, Roberto Cotroneo, Tommaso Avati, Daria Bignardi, Francesco Guglieri, Giancarlo Biffi, Marco Magnone, Cristina Caboni, Giorgio Fontana, Fabio Geda.

Diverse le tematiche importanti per la nostra società che, mano a mano, verranno affrontate: divario di genere, ambiente, inclusione, giustizia sociale, legalità, memoria storica, relazioni familiari, sport.

Come ogni anno, il programma di Éntula, festival diffuso e permanente, è in continuo aggiornamento (gli eventi vengono inseriti qui).

Il festival Éntula è organizzato dall’associazione culturale Lìberos con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna – Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport e della Fondazione di Sardegna. Media Partner Sardinia Post.

Breve storia dell’associazione organizzatrice Lìberos

In Sardegna la lettura è un elemento di comunità e le energie e le competenze che si muovono intorno al libro sono fonte di coesione sociale, ricchezza economica e consapevolezza civica: Lìberos, associazione culturale non-profit, nasce nel 2012 da queste energie e si costituisce in forma organizzata per evidenziarle, proteggerle e promuoverle.
Lìberos è una comunità di lettori e lettrici che si incontrano online ma soprattutto nelle piazze, le librerie, le biblioteche; nei grandi centri e in quelli piccoli o isolati della Sardegna.
È un laboratorio permanente di progettazione culturale che sostiene e qualifica con le sue competenze quelle comunità che credono nella lettura come fattore di crescita individuale e sociale.
È un modello culturale che spinge le persone a ragionare al plurale, abbattendo le barriere tra profit e no profit e tra centro e periferia, insegnando a immaginare la propria azione culturale in maniera organica al territorio e integrata alle altre presenze.
L’associazione ha vinto la prima edizione del premio CheFare come miglior progetto culturale ad alto impatto sociale ed economico.

Per maggiori informazioni
Ufficio Stampa
Francesca Cinus
ufficiostampa@liberos.it
cell. +39 327 6757228


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi