Lunedì 23 Maggio, aggiornato alle 23:22

RWM – Gli amministratori di Iglesias sconfessano il deliberato del Consiglio Comunale

RWM – Gli amministratori di Iglesias sconfessano il deliberato del Consiglio Comunale

“Gli amministratori di Iglesias sconfessano il deliberato del Consiglio Comunale
I giorni scorsi lo studio legale Pubusa ha inoltrato all’amministrazione comunale di Iglesias
formale richiesta affinché provveda all’esecuzione della sentenza del Consiglio di Stato
n.7490/2021 del novembre scorso mediante una sollecita adozione delle ordinanze di
sospensione dei lavori e di demolizione in relazione alle opere di ampliamento dello
stabilimento realizzate dalla soc. RWM nel territorio comunale di Iglesias.
La sentenza del Consiglio di Stato, accogliendo il ricorso presentato da Italia Nostra, Assotziu
Consumadoris Sardigna e il sindacato USB, annulla il Provvedimento Unico n. 82 del
9.11.2018 di autorizzazione dei reparti R200 ed R210 e la Delibera della Giunta Regionale
n.3/26 del 15.1.2019 che stabilisce di non assoggettare a VIA il nuovo Campo Prove 140.
Contestualmente il testo della sentenza e della richiesta presentata dai legali è stato
trasmesso al Prefetto di Cagliari, alla Procura della Repubblica, alla Soprintendenza BB.CC.,
alla Direzione Reg.le Urbanistica e Vigilanza Edilizia, al Corpo Forestale e di Vigilanza
Ambientale e a Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, affinché, ognuno per le
proprie competenze vigilino per una effettiva e solerte esecuzione della sentenza del
Consiglio di Stato.
Apprendiamo inoltre dalle dichiarazioni dell’AD della RWM Italia che il nuovo Campo Prove
140, dove si effettuano i test per verificare l’efficacia degli esplosivi prodotti nello stabilimento, è

in funzione già dallo scorso febbraio nonostante si tratti di un reparto del tutto privo del Piano di
Emergenza Esterna e dallo scorso 17 novembre privo di qualsiasi autorizzazione.
Spiace constatare, leggendo gli articoli di stampa dei giorni scorsi, che nonostante le molte
anomalie e le tante illegittimità commesse nella procedura di rilascio delle autorizzazioni, il
comune di Iglesias anziché emettere le ordinanze di blocco delle attività dei nuovi reparti già
operativi, la sospensione dei lavori eventualmente in corso e la demolizione dei manufatti,
abbia incaricato gli stessi uffici di attivarsi per rilasciare nuove autorizzazioni in sostituzione di
quelle dichiarate illegittime dal Consiglio di Stato.
Un atteggiamento dell’amministrazione comunale della città mineraria del tutto incongruente
rispetto all’ordine del giorno approvato dal Consiglio Comunale di Iglesias a luglio del 2017 col
quale si esprimeva la volontà della Città di Iglesias di porsi come luogo di costruzione di
rapporti internazionali di pace e solidarietà”, conclude la nota di Graziano Bullegas di Italia Nostra Sardegna


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi