Mercoledì 27 Ottobre, aggiornato alle 15:58

Meteo ad Alghero: Meteo Alghero

Alessandria, una Piazza per Grazia Deledda. Sebastiano Tettei e il Circolo “Su Nuraghe” preparano la festa

Alessandria, una Piazza per Grazia Deledda. Sebastiano Tettei e il Circolo “Su Nuraghe” preparano la festa

 

La città di Alessandria per celebrare i 150 anni dalla nascita di Grazia Deledda ha deciso di omaggiarla intitolando una piazza in suo onore.

La Commissione Consiliare Toponomastica ha, infatti, approvato all’unanimità la proposta, partita dal Circolo “Su Nuraghe” e presentata dal Presidente del Consiglio Comunale Emanuele Locci, di dedicare alla grande scrittrice sarda una piazza cittadina.

Il nome della scrittrice nuorese entra cosi nella toponomastica della città di Alessandria come doveroso omaggio a una donna che seppe raccontare magistralmente la Sardegna e la sua gente e che da autodidatta arrivò al Premio Nobel per la Letteratura, il riconoscimento più prestigioso, ambito da ogni scrittore: prima e unica donna italiana. 

“Siamo molto felici di questa notizia – dichiara Sebastiano Tettei il presidente del circolo “Su Nuraghe”  – Tutta la comunità sarda ha accolto la delibera con esultanza e gioia. La piazza scelta è peraltro attigua al nostro circoloin quanto interseca con via Sardegna ove ha sede “Su Nuraghe”. Abbiamo in animo – prosegue Tettei – di festeggiare l’inaugurazione della piazza con una serie di eventi che coinvolgano i sardi di Alessandria, tutti i cittadini e tutte le istituzioni territoriali e culturali, nonché tutte le scuole di ogni ordine e grado. Stiamo lavorando su programma che preveda l’esibizione nella nuova piazza Grazia Deledda di un gruppo folkloristico in costume con balli e musiche sarde. Negli spazi della sede contiamo, invece, di realizzare reading letterari dedicati ai libri della Deledda, di proiettare storici  filmati cinematografici prodotti dall’Istituto Luce e il recentissimo documentario “Grazia Deledda, la rivoluzionaria”, di Cecilia Mangini e Paolo Pisanelli. Vorremmo, infine, risorse finanziarie consentendolo, chiudere le celebrazioni con un concerto di musica tradizionale sarda”.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi