Mercoledì 27 Ottobre, aggiornato alle 15:58

Meteo ad Alghero: Meteo Alghero

Nardo Marino al Question Time su continuità territoriale: necessario un tavolo di confronto con la Regione Sardegna

Nardo Marino al Question Time su continuità territoriale: necessario un tavolo di confronto con la Regione Sardegna

Bene la procedura d’urgenza ma è necessario affrontare il problema con decisione per dare ai sardi le certezze di cui hanno diritto”, poi il  deputato sardo replica al Mit: necessario un tavolo di confronto con la Regione Sardegna

La garanzia di una procedura di urgenza individuata dal Governo per garantire il regime di continuità territoriale aerea da e per la Sardegna per i prossimi sette mesi, scongiurando così il rischio di paralisi totale del diritto alla mobilità dei sardi viene accolta con favore da Nardo Marino, deputato del Movimento 5 Stelle, autore dello specifico Question Time discusso nel pomeriggio durante la seduta della Camera dei Deputati.
La soluzione di emergenza individuata dal Mit non placa però la preoccupazione espressa da Marino, anche componente della Commissione Trasporti, che durante nell’esposizione dell’atto a risposta immediata ha rimarcato la forte apprensione per ciò che si sta verificando sul fronte della continuità territoriale sia aerea che marittima. “Come lei sa – ha detto Marino rivolgendosi al ministro dei Trasporti Enrico Giovannini, il 15 ottobre prossimo Alitalia cesserà l’attività,ma la nuova compagnia Ita non può subentrare sulle rotte onerate che collegano i tre aeroporti dell’isola con Fiumicino e Linate. Per di più non c’è ancora traccia del nuovo bando che la Regione Sardegna avrebbe dovuto pubblicare da tempo: si va avanti con una proroga del vecchio regime del 2013 e regole non omogenee per i tre aeroporti sardi. Non va meglio per i collegamenti via mare. Scaduta la convenzione con Tirrenia, si è proceduto, attraverso Invitalia, a fare bandi singoli con risultati preoccupanti. Il collegamento tra Civitavecchia e Cagliari è saltato  con il disimpegno di Tirrenia. A ciò si aggiunga  la fine dei collegamenti con Arbatax. E’ chiaro che i sardi vedono fortemente a rischio il proprio diritto alla mobilità costituzionalmente garantito. Le chiedo quindi, alla luce della situazione, quali siano le iniziative poste in essere dal Governo”.

Dai banchi del Governo è arrivata l’attesa risposta del Mit che, nel sottolinearel’importanza della procedura per garantire la continuità aerea nei voli dall’Isola per Milano e Roma e viceversa,  ha confermato l’impegno a trovare una soluzione stabile. Per quanto concerne la continuità marittima, Il Ministro Giovannini ha annunciato la prosecuzione per ulteriori sei mesi della linea Civitavecchia – Cagliari -Arbatax.

Nella replica, il deputato ha rimarcato la necessità di affrontare il problema con decisione e tempestività per evitare che periodicamente si presentino le medesime problematiche. “A nostro avviso – ha detto in Aula il deputato del Movimento 5 Stelle – è urgente e non più rinviabile la necessità di regolare la continuità territoriale marittima con una norma di rango primario. Serve una legge, così come avviene per la continuità aerea. Ci sono alcune proposte depositate in tal senso, sulle quali la Regione Sardegna ha affermato di volersi confrontare, ritenendole una buona base di partenza. Il processo di interlocuzione può svolgersi in tempi brevi se c’è la buona volontà di tutti i soggetti coinvolti. E in questo contesto credo sia necessario organizzare un tavolo di confronto al più presto. La Sardegna non può permettersi di perdere una tratta storica come la Civitavecchia-Cagliari e di vedere uno sei suoi porti, Arbatax, desolatamente vuoto, privo di navi, proprio quando finalmente lo scalo ogliastrino viene inserito nell’Adsp Mare di Sardegna grazie al nuovo decreto Trasporti. La preoccupazione resta alta, soprattutto per i tempi ristretti, sulla continuità aerea.  Accolgo con favore la procedura d’urgenza individuata che, seppur in via temporanea, consente di non lasciare i sardi a terra.
A questo proposito – ha concluso Marino – mi chiedo se non si possa verificare la possibilità di inserire i lavoratori sardi di Air Italy rimasti senza lavoro dopo la messa in liquidazione della società, nella procedura di affidamento delle tratte in continuità ad altro vettore, dal momento che per coprire i collegamenti saranno necessari macchine e personale. Sarebbe un segnale di attenzione importante che, da questi banchi, mi permetto di rivolgere alla Regione Sardegna che dovrà individuare il vettore.  Ma sappiamo tutti che la partita si chiuderà solo con la pubblicazione del nuovo bando. E non voglio pensare che i sette mesi di affidamento in urgenza delle tratte non siano sufficienti per chiudere la partita con Bruxelles”.
Il question time sulla continuità è stato sottoscrittoda tutti i deputati sardi del M5S: Luciano Cadeddu, Paola Deiana, Alberto Manca, Mario Perantoni e Lucia Scanu.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi