Domenica 17 Ottobre, aggiornato alle 18:37

Meteo ad Alghero: Meteo Alghero

Allagamenti ad Alghero- Il giorno dopo fatto di rabbia e ” si sapeva”. La satira

Allagamenti ad Alghero- Il giorno dopo fatto di rabbia e ” si sapeva”. La satira

Ad Alghero, in queste ore si sta gestendo l’emergenza allagamenti per le strade. Dopo gli ulteriori violenti acquazzoni della serata, la città, soprattutto quella fronte mare è letteralmente sott’acqua. In tilt Viale Europa, nei pressi della Palafitta, in Via 1 Maggio. Ma la parte che desta preoccupazione, attenzionata da un notevole dispiegamento di uomini della Polizia Municipale riguarda la zona del Lido e il Lungomare Barcellona. In Via Lido due vetture della polizia Municipale dirottano il traffico verso Viale Europa. La strada è completamente allagata, per un lungo tratto sino quasi all’ex bar Gambella.
Il Lungomare Barcellona è interdetto al traffico, sia in entrata che in uscita per il centro della città. L’acqua abbondante che è scesa dalla parte alta della città, non trovando sbocco, ha allagato completamente la sede stradale, il tutto amplificato dallo scoppio di qualche tombino. La citta è presidiata dalle forze dell’ordine. Pattuglie dei Carabinieri, della Polizia di stato, della Polizia Municipale, della Protezione Civile, dei Barraccelli stanno monitorando la situazione, che è sotto controllo, ma sta causando difficoltà nel traffico cittadino.
Ormai ci stiamo abituando, la notizia non fa più notizia. Ad Alghero ogni volta che piove, in maniera battente, in occasione di manifestazioni temporalesche, la parte bassa della città, finisce sott’acqua. La cosa si ripete, e non si può non affermare che si devono mettere in cantiere provvedimenti, se non a eliminare, almeno per ovviare, una situazione veramente imbarazzante. La gestione dell’acqua piovana, sta diventando un problema, con conseguente dispiegamento di uomini e mezzi per governare le criticità, e le situazioni di pericolo che si vengono a creare. Soprattutto per quel che riguarda il convogliamento e lo scarico delle acque piovane, qualcuno comincia ad essere convinto che a valle ci sia una ostruzione che impedisce il deflusso dell’acqua. Il lungomare Barcellona diventa una barriera naturale, i tombini non “lavorano” e l’acqua quasi torna indietro nella sua corsa, come si vede nelle immagini raggiunge persino il marciapiede dopo aver superato il limite della carreggiata abbastanza alta.
Ma non solo il lungomare Barcellona, via la Marmora, via XXV Maggio, lato del Carcere di Alghero, l’acqua era torrenziale, Via Eleonora d’Arborea si è trasformata in autentico fiume in piena.
Un piccolo particolare, quanto letto sino ad ora era contenuto in un articolo scritto lo scorso anno, Ottobre 2020. La notizia non è una novità, oggi, come ieri, ed è qui la rabbia di quanti subiscono ingenti danni per gli allagamenti, che affermano “si sapeva e non si è fatto nulla”. Ma non è pensabile di andare di questo passo sperando solo e sempre che non ci scappi danno grosso alle persone. In una città, in una grande città come Alghero, questo tipo di criticità si possono risolvere, è tutta una questione di volontà di chi amministra, chiamato a prendersi oneri e onori per l’incarico ricoperto.

E a meravigliarci e a parlarne di nuovo, al prossimo acquazzone?

Quella di copertina è un immagine satirica per stemperare la rabbia di chi ha subito danni: il lido servito da un nuovo…colleganento!

Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi