Lunedì 21 Giugno, aggiornato alle 15:03

Meteo ad Alghero: Meteo Alghero

Inaugurazione della condotta irrigua di Monte Baranta, cantiere da 18 Mln di euro, lavori a tempo di record

Inaugurazione della condotta irrigua di Monte Baranta, cantiere da 18 Mln di euro, lavori a tempo di record

INAUGURAZIONE CONDOTTA IRRIGUA DI MONTE BARANTA “CANTIERE DA 18 MILIONI CONCLUSO IN TEMPO DA RECORD “
IL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA: “PRONTI A NUOVE SFIDE”
Il taglio del nastro dell’opera irrigua più importante del territorio si è svolta in un clima di vera festa. Rappresentanti delle istituzioni, esponenti politici e delle organizzazioni agricole si sono dati appuntamento a Monte Baranta, il quartier generale allestito per l’occasione dal Consorzio di bonifica della Nurra, per celebrare la fine dei lavori di riqualificazione dei 6791 metri di canale adduttore realizzato nel 1965 e che collega il Rio Cuga alla vasca di Monte Baranta, in territorio di Olmedo. Un’opera di ingegneria idraulica costata 18 milioni di euro (Fondi Ministero Infrastrutture e Agricoltura) e che si è portata a termine in tempi da record. , ha commentato Francesco Battistoni, sottosegretario alle Politiche Agricole, in collegamento video, insieme ad altri esponenti del parlamento, come i presidenti delle Commissioni Agricoltura alla Camera, Filippo Gallinella e al Senato Giampaolo Vallardi, tutti intervenuti per sottolineare l’ottimo lavoro di gestione e coordinamento svolto dal Consorzio di bonifica. L’inaugurazione della condotta di Monte Baranta, oltre a rappresentare un valido esempio di come le risorse pubbliche possono essere spese in fretta e bene, ha offerto appunto l’occasione per puntare i riflettori sul ruolo dei Consorzi di bonifica della Sardegna, ufficialmente esautorati di competenze, ma di fatto chiamati a risolvere i problemi, in virtù di una convenzione. Il presidente del Consorzio di bonifica della Nurra, a questo proposito, ne ha approfittato per strappare un impegno a tutti i presenti: . Serve una revisione della Legge 6, la legge quadro del 2008 in materia di Consorzi di bonifica, con una ridefinizione di ruoli e competenze, adeguando il quadro normativo alle reali esigenze di regimentazione delle acque e sicurezza idraulica e ambientale dei territori della Sardegna. I Consorzi di bonifica si candidano a diventare il braccio armato di una sfida che riguarda la riqualificazione integrale del territorio e in questo frangente hanno dimostrato di avere tutte le carte in regola per poterlo fare.
E’ stato Gavino Zirattu, presidente del Consorzio di bonifica della Nurra, a ripercorrere l’iter dell’opera pubblica, ricordando i problemi principali del vecchio canale a cielo aperto, con le perdite diffuse valutate nell’ordine del 25 per cento circa rispetto alla portata. L’infrastruttura appena realizzata è stata collaudata ed è già in funzione dal primo aprile.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi