Lunedì 21 Giugno, aggiornato alle 22:51

Meteo ad Alghero: Meteo Alghero

Gli attivisti di LIBERU a Surigheddu:” appartiene al popolo sardo nessuno la venderà agli speculatori!

Gli attivisti di LIBERU a Surigheddu:” appartiene al popolo sardo nessuno la venderà agli speculatori!

Caterina Tani e Gianfranco Devias Hanno condotto la conferenza stampa che si è tenuta all’esterno della tenuta di Surigheddu. Gli attivisti di LIBERU, hanno collocato le loro bandiere nella cancellata dell’ex tenute agricole algheresi e hanno ribadito il loro concetti fondamentali per quanto riguarda la destinazione di quei terreni.

Di seguito il contenuto loro nota:

“Surigheddu appartiene del popolo sardo: nessuno la venderà agli speculatori!

Sono passati oramai cinque anni dall’occupazione simbolica delle terre di Surigheddu e Mamuntanas, chiamata da Liberu contro l’avviso esplorativo e bando di vendita internazionale deciso dall’assessorato regionale degli Enti locali della giunta Pigliaru.

Formalmente l’assessorato allora dichiarava di voler destinare quelle terre ad uso agricolo, ma in realtà con quel bando internazionale si intendeva convertirle ad uso turistico, viste anche le insistenti attenzioni per quella zona da parte delle grandi lobby d’oltremare.

L’11 giugno di cinque anni fa in tanti manifestammo contro quell’operazione dal chiaro sapore speculativo, e proponemmo di destinare quelle terre fertili – e di proprietà pubblica regionale – alle cooperative di giovani agricoltori e allevatori sardi.

Una scelta di puro buon senso, tenuto conto che ci si lamenta sempre che la Sardegna importa l’80% dei prodotti agroalimentari e che i giovani sono costretti ad emigrare in quanto non possono vivere di turismo stagionale e mal pagato.

Oggi l’attuale giunta Solinas dichiara, senza più alcuna ambiguità , la finalità turistica e speculativa, dismettendo anche la foglia di fico dell’”uso agroalimentare” millantato dalla giunta precedente.

Il progetto, tutto a guida Psd’az, per questo territorio che ospita terre fra le più fertili della Sardegna non prevede cooperative agricole di giovani sardi, ma campi da golf e alberghi extra lusso delle più grandi multinazionali del turismo.

Il piano è già stato illustrato in una conferenza tenuta due mesi fa, presenti l’assessore all’Urbanistica Quirico Sanna, il sindaco di Alghero Mario Conoci e il presidente della commissione sport e attività produttive del consiglio regionale Piero Maieli, tutti del Psd’Az.

Siamo quindi di fronte ad una chiara manovra politico-affaristica che vede interessati esponenti del partito che governa la Regione e le tante cordate internazionali che scalpitano per accaparrarsi angoli di paradiso in Sardegna.

Ma queste terre non sono di proprietà degli esponenti del Psd’az, nè dei tanti speculatori che guardano con insistenza alla Sardegna: sono della Regione, sono pubbliche, terre della comunità sarda.

Non permetteremo che le multinazionali si approprino anche di questi beni, cementificando altra terra, sfruttando altri lavoratori stagionali, dirottando su altre sedi fiscali profitti fatti in casa nostra.

Lanciamo una CAMPAGNA DI BOICOTTAGGIO contro qualsiasi ipotesi di destinazione turistico- alberghiera, camuffata sotto qualunque forma, delle terre di Surigheddu e Mamuntanas, e chiamiamo tutti i movimenti, partiti e associazioni a sostenerla attivamente.

Le terre pubbliche della Sardegna ai giovani agricoltori sardi! Sa terra sarda a su pòpulu sardu!” Conclude la nota di Liberu – Lìberos Rispetados Uguales

Attivisti di LIBERU


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi