Giovedì 13 Maggio, aggiornato alle 10:47

Meteo ad Alghero: Meteo Alghero

Punta Giglio, incontro di mediazione disertato: Deiana (M5S): “Inspiegabile il comportamento della Regione”

Punta Giglio, incontro di mediazione disertato: Deiana (M5S): “Inspiegabile il comportamento della Regione”

“Quello della Regione è un comportamento inspiegabile e al contempo imbarazzante che denota una palese contraddizione tra quanto viene proclamato mezzo stampa e il reale interesse di questa Giunta nel voler trovare un accordo definitivo con la Borgosesia Spa, proprietaria esclusiva del 50% del promontorio di Punta Giglio e comproprietaria della restante metà con la Regione Sardegna. La realtà dei fatti è che la collettività, a breve, potrebbe non fruire più di un bene di inestimabile valore come Punta Giglio, un luogo speciale, amato sia dagli algheresi che dai numerosi visitatori. Questo, tradotto, significa anche dare una minor offerta turistica”.
È quanto afferma la deputata algherese del Movimento 5 stelle, Paola Deiana, profondamente preoccupata per l’inettitudine della Regione nella trattativa con la Borgosesia.

Tra le due parti manca un accordo definitivo capace di soddisfare la proprietà in cambio della sua rinuncia a Punta Giglio. Ieri il Parco di Porto Conte ha disertato l’incontro di mediazione con la società privata, un passaggio obbligatorio nell’ambito dell’azione civile intentata dalla società per rientrare in possesso dell’area. “Di fatto la Regione ha completamente lasciato solo il Parco”, ha sottolineato la parlamentare.
“Parliamoci chiaro – afferma Paola Deiana -: se non si trova un accordo si rischia che la Borgosesia Spa, società con incremento di 9,4 milioni nel 2020, a fronte dei 7,3 del 2019 (+29%), metta sul mercato internazionale i terreni di sua proprietà (oltre al 75% di Punta Giglio, 300 ettari nel cuore del Parco) a un costo assolutamente ragionevole. Questo per dire che, come ribadito anche oggi dal proprio rappresentante Antonio Pala, da parte della società non c’è alcun intento speculativo. Inoltre, l’amministratore delegato Davide Schiffer ha da sempre dichiarato di non voler privare la comunità di un bene inestimabile dal punto di vista ambientale e turistico. Il filo di dialogo, infatti, è sempre aperto. Ma se il comportamento della Regione continua ad essere inconcludente, si rischia che Punta Giglio vada in mano ad altri privati, magari non così magnanimi. Pensiamo che, finora, quando abbiamo deciso di fare una passeggiata nel cuore del Parco lo abbiamo fatto entrando e parcheggiando l’auto in una proprietà privata. La Borgosesia ha tutto il diritto di chiudere e interdire il passaggio, considerato oltretutto che ogni responsabilità, qualora dovesse succedere qualcosa, è della stessa società”.
“La Regione deve cogliere questa opportunità – conclude Paola Deiana -. Apra il dialogo, non privi i cittadini, non solo algheresi, di un bene così tanto prezioso”.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi