Giovedì 13 Maggio, aggiornato alle 10:47

Meteo ad Alghero: Meteo Alghero

Cristian Masala portacolori dell’Alghero Marathon alla Villacidro SkyRace

  • In Sport
  • 28 Aprile 2021, 17:13
Cristian Masala portacolori dell’Alghero Marathon alla Villacidro SkyRace

In attesa del via libera definitivo alla ripresa dell’attività podistica su strada, la stagione dell’atletica leggera va avanti con le gare di interesse nazionale su pista (laddove non vigano i divieti imposti dalla zona rossa) e con la corsa in montagna. Ed è stata proprio la quarta edizione della Villacidro SkyRace di domenica 25 aprile a calamitare l’attenzione degli appassionati della specialità trail. La tappa nel Medio Campidano,  valevole quale prima delle otto tappe della Coppa Italia di Skyrunning, era articolata sulla distanza di 21km spalmati su 1920 metri di dislivello positivo. La vetta più alta raggiunta sono stati i 1062 metri sul livello del mare della punta Santu Miali che ha fatto da sommità a suggestivi saliscendi impervi e una fitta rete di sentieri comprensivi di passaggi tra creste, pietraie e paesaggi boschivi. Questo scenario naturale è stato romanzato dalla penna di Giuseppe Dessì in Paese d’ombre vincitore del premio Strega nel 1972.

Dopo la pausa forzata del 2020, sono stati circa 250 i partecipanti alla manifestazione promossa da  Paolo Curridori del Margiani Team il cui nome deriva dalla montagna simbolo della manifestazione. Nonostante la zona rossa, l’evento si è potuto svolgere poiché la manifestazione è riconosciuta di interesse nazionale. Numero minimo di iscritti per ragioni di sicurezza e rispetto dei protocolli sanitari a cui sono stati sottoposti tutti i partecipanti.  In questo novero di iscritti si è distinto Cristian Masala portacolori dell’Alghero Marathon, non nuovo a queste maratone su terreni sconnessi considerati i suoi precedenti nei trail di Baunei (20km) e Montiferru (35Km) entrambi disputati nel 2019. Per lui anche corsa su strada, mountain bike e duathlon. Il quarantaseienne runner algherese si è classificato al novantaseiesimo posto assoluto e al quindicesimo nella categoria M45 con il tempo complessivo di 3h 39’04.

<< Una fantastica giornata di primavera ci ha accompagnato in questa dura ed affascinante gara di skyrunnnig, ricca di emozioni che valeva la pena di essere assaporata con tutti i sensi. I profumi della nostra terra con le prime fioriture, la sensazione rivitalizzante di un sorso d’acqua, l’accarezzare con le mani le ruvide rocce per scalare i tratti più ripidi e poi vedere l’immenso dalla vetta più alta del monte Margiani. Una gara senza un attimo di tregua. Si parte dal centro abitato e subito in alto lungo le pendici dove abbiamo affrontato la prima delle quattro durissime salite intervallate da discese a tratti veramente impegnativi per via del terreno molto pietroso e ripido. Siamo passati dal fresco sottobosco con torrenti d’acqua a sentieri scoscesi da cui si ammirava un panorama mozzafiato.  Lo spettacolo più bello è stato vedere la bandiera dei quattro mori issata in vetta e sferzata dal vento in un contorno privo di vegetazione e con le sole rocce. Tutto questo fino al 16km, poi cinque chilometri di discesa ininterrotta ed impervia fino al ritorno a Villacidro. L’avvicinarsi al traguardo è stato benefico, le gambe che prima avevano faticato ad arrampicarsi mi hanno dato lo sprint per la volata finale >>.  Come si prepara una prova così massacrante? << La preparazione è molto simile ad una maratona su strada anche per quanto riguarda l’alimentazione e l’idratazione. Nella zona di Alghero sono assenti montagne con tali dislivelli e quindi l’ho preparata facendo su e giù dalle vette del monte Timidone e monte Murone, uniche cime simili e con sentieri che assomigliavano a quelli medio campidanesi >>. Cos’è la corsa in montagna o per meglio dire il trail running? << E’ pura follia. Sono sensazioni che non si possono descrivere a parole ma meritano di essere vissute >>.

Tra gli uomini la vittoria, quasi in solitaria, è andata al brianzolo di Luca Del Pero davanti a Lorenzo Rota Martir e Franco Collè. In campo femminile la comasca di Lezzeno Paola Gelpi ha preceduto sul traguardo di via Dessì Giuditta Turini, distanziata di due minuti, e Martina Bilora. L’evento di Villacidro da anni è diventato il punto di riferimento per gli sport di endurance ed intende continuare a crescere verso l’elité internazionale abbinando rigorosamente sport e turismo al ritmo dello slogan “Go fast, go high”

 


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi