Sabato 17 Aprile, aggiornato alle 22:48

Meteo ad Alghero: Meteo Alghero

Maggioranza a pezzi e centro sinistra in pressing sul Presidente Salvatore: Consiglio in presenza. Seconda convocazione?

Maggioranza a pezzi e centro sinistra in pressing sul Presidente Salvatore: Consiglio in presenza. Seconda convocazione?

Ieri sera a Porta Terra, nella sede del Sindaco Conoci,  si è tenuta una riunione della maggioranza che lo sostiene. Presenti un pezzo di Forza Italia, Noi con Alghero, Riformatori, FdI, Psd’Az, Lega, assenti gli esponenti del Gruppo Misto, l’Udc e l’altro pezzo di Forza Italia.

Certo ci  si attendeva una maggiore partecipazione, ma a ben vedere la situazione è in stallo: non è cambiato niente rispetto a ieri.  I leali sono con il Sindaco e quelli che sono di traverso continuano ad esserlo. Ma è emerso, e ha creato qualche malumore, l’assenza rumorosa dell’Assessore Antonello Peru. E l’Assessore ai LLPP assente non ha permesso di parlare di lavori inerenti il suo Assessorato, e si è transeato. Si sono affrontati temi delicati come il futuro della Step, e della Secal, con l’Assessora Caria presente.

Trapela poco dalla riunione, tutti hanno la bocca cucita, il tacere è diventato un verbo raccomandato.

Oggi c’è stata una riunione dei Capigruppo, perché c’è nell’immediato futuro la convocazione del Consiglio Comunale prevista per il 10 Marzo,  dalle 16 alle 20,30. Assenze importanti della maggioranza anche qui per impegni presi ( si dice), ma dai contenuti previsti nell’assise programmata, c’è stata una mezza sommossa delle opposizioni. Il Consiglio in video è insopportabile, perché c’è voglia di guardare in faccia la maggioranza di Conoci ( se c’è), invece all’ordine del giorno compaiono mozioni e interrogazioni solo dell’opposizione. Non uno straccio di atto amministrativo a distanza di due mesi dall’ultima convocazione.

C’è stato un pressing sul presidente del Consiglio Comunale, Lelle Salvatore, che dall’assedio ne è uscito promettendo che nel futuro prossimo, la sede del Consiglio Comunale potrebbe spostarsi al Quarter.

Situazionr politica davvero incandescente dove il centro sinistra non riesce a cementificare l’opposizione della maggioranza, che se fosse davvero intenzionata a staccare la corrente al Sindaco Conoci, altro non dovrebbe fare se non presentar 13 firme  e la fiducia del Sindaco. Oggi, le forze in campo si equivalgono, fra maggioranza e chi si oppone insieme alla vera opposizione in Consiglio. E Mario Conoci, che la situazione attuale la legge  giorno dopo giorno,  ha meso in piedi una strategia che logora anche chi si oppone: “trovate le soluzioni” rilancia ai partiti. E in cammino ci potrebbe essere proprio un cambio di rotta onde evitare imboscate proprio in occasione dei Consigli Comunali: si potrebbe far ricorso alla seconda convocazione. Un escamotage previsto dalla norma che va in soccorso di chi deve governare con numeri risicati, e quelli di oggi del Sindaco Conoci tali sono.

Per Venerdì prossimo è prevista una riunione di coalizione nel centro-destra sardista, ovvero tutti i partiti si devono vedere. In teoria, perché , di fatto già da ora non si vedono al completo da un bel pezzo.

E come se ne esce? Qualcuno, in maggioranza, si fa scappare un frase che è tutto un programma: se cade Mario Conoci, e il centro destra-sardista perde Alghero, per personalismi estremizzati, immaginate a Cagliari cosa succede? E poi chi vuol andare a elezioni? Stare Dietro un muretto è sin troppo semplice”.

Si capisce allora perché tutta l’opposizione di centro sinistra e 5Stelle  vuole il Consiglio Comunale in presenza.

foto d’archivio

 

 

 


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi