Mercoledì 21 Ottobre, aggiornato alle 19:34

Meteo ad Alghero: Meteo Alghero

Lettera aperta di Di NOLFO al Presidente Salvatore: “se abdica al suo ruolo non mi rappresenta e non è adeguato”

Lettera aperta di Di NOLFO al Presidente Salvatore: “se abdica al suo ruolo non mi rappresenta e non è adeguato”

Valdo Di NOLFO scrive una lettera aperta sui fatti accaduti durante il consiglio comunale del 25 Giugno scorso.

“Caro Presidente, caro Lelle -comincia-

Le scrivo queste righe per stigmatizzare ancora una volta ciò che è accaduto durante il Consiglio Comunale del 25 Giugno scorso. Lo faccio dandole del Lei non per mancanza di stima e amicizia nel suoi confronti ma esclusivamente per questione di formalità e rispetto nei confronti della sua carica.

Abbiamo sentito tutti il sindaco nella massima assise cittadina che lei dirige insultare la collega Gabriella Esposito. Abbiamo visto tutti il suo comportamento dopo l’ insulto in questione e dopo la richiesta di scuse pubbliche della Consigliera. Il suo ruolo, Presidente, mi scuserà se le ricordo una cosa ovvia che lei sa bene, è quello di tutelare ogni consigliere comunale. Invece in quel caso ha preferito andare avanti con i lavori come se niente fosse, autorizzando così di fatto l’utilizzo di un linguaggio portatore di odio che niente deve avere a che fare con l’istituzione che Lei rappresenta.

Se non stigmatizza, se non censura, se non indica la giusta via da seguire, signor Presidente, Lei non solo diventa complice dell’insulto ma, visto che è lei a rappresentare l’Aula, lo sostiene e lo fa proprio. In questa situazione non c’è spazio per ambiguità, per cerchiobottismo. Se nei fatti Lei abdica al suo ruolo vuol dire che davvero non mi rappresenta più e che non è adeguato a ricoprirlo. Questi due concetti c ho espresso nel mio duro intervento, e glieli ribadisco in questa lettera. Poi ho abbandonato l’Aula, e forse ho usato un tono di voce troppo alto, se così fosse mi scuso pubblicamente. Sono però concetti sul quale sono fermo e solo Lei può farmi cambiare idea. Mi auguro con tutto il cuore che avvenga, per Lei soprattutto e per l’istituzione che rappresenta. 


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi