Giovedì 2 Febbraio, aggiornato alle 9:40

Giro d’Italia 2018, si parte da Gerusalemme. Grande assente la Sardegna

Giro d’Italia 2018, si parte da Gerusalemme. Grande assente la Sardegna

Da Alghero a Gerusalemme. Dopo il grande successo della partenza del 100 Giro d’Italia da Alghero, il 101 Giro scatterà da Gerusalemme.

Ora non ci sono più dubbi, le notizie trapelate giorni fa riguardo una possibile partenza del  Giro d’Italia 2018 da Gerusalemme sono state confermate ufficialmente negli studi della trasmissione Che Tempo Che Fa. La 101 edizione della Corsa Rosa si articolerà in 21 tappe per un totale di 3546,2 km e si svolgerà dal 4 al 27 Maggio 2018.

L’edizione del centenario vide protagonista la Sardegna, il 5 maggio da Alghero, tra un mare di folla straripante, aveva preso ufficialmente il via il 100 giro d’italia, tra l’entusiasmo dei tanti tifosi isolani che riabbracciarono il Giro a distanza di dieci anni.
Quella del 2018 invece sarà una edizione diversa, sarà la tredicesima volta che il Giro partirà dall’estero, ma mai era scattato da così a sud, da Israele, dove sono previste le prime tre tappe, con l’omaggio Gino Bartali, riconosciuto quale «Giusto tra le nazioni».
Dopo il primo giorno di riposo, la carovana farà il rientro in Italia dalla Sicilia e il 10 maggio è previsto l’arrivo in cima all’Etna. I corridori poi risaliranno la penisola dalla Calabria e affronteranno altre due tappe suggestive. Il 15 maggio, da Penne a Gualdo Tadino, verrà attraversata Rigopiano, località resa tristemente famosa dalla tragica valanga dello scorso 18 gennaio. Ventiquattr’ore dopo, invece, partiranno da Assisi e, dopo aver attraversato Filottrano (città natale di Michele Scarponi, corridore investito lo scorso 22 aprile durante un allenamento), arriveranno ad Osimo, città colpita dal terremoto l’anno passato. Sabato 19 maggio, con la quattordicesima tappa (181 km) che da San Vito al Tagliamento arriverà in cima al Monte Zoncolan.

L’ultima settimana si aprirà martedì 22 con la seconda cronometro, da Trento e Rovereto di 34,5 km, dopodiché si tornerà a salire. Giovedì 24, arrivo in salita a Pratonevoso, che sarà soltanto un antipasto della tappa regina del giorno successivo. Oltre 4000 metri di dislivello per la frazione numero 18 di venerdì 25 che partirà da Venaria Reale e si concluderà in cima allo Jaffreau dopo aver superato anche il Col del Lys e il mitico Colle delle Finestre. La penultima tappa di sabato 26 prevede tre gran premi della montagna e l’arrivo in salita a Cervinia, dopodiché domenica si chiuderà con una passerella per velocisti a Roma.

Il protagonista più atteso per il Giro d’Italia 2018 è senza dubbio Chris Froome,vincitore di quattro Tour de France e di una Vuelta di Spagna.Molto probabilmente al via ci sarà anche Fabio Aru, stuzzicato soprattutto dalle montagne piemontesi teatro dei suoi allenamenti, mentre è in dubbio il vincitore dell’edizione 2017, Tom Dumoulin. Più difficile che ci sia, invece, Vincenzo Nibali, orientato a concentrare le sue forze sul Tour de France.

 

Fonte: lagazzetta, la stampa


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi