Giovedì 8 Dicembre, aggiornato alle 8:14

Il PD non entrerà in maggioranza

Il PD non entrerà in maggioranza

Documento del Direttivo cittadino che mette i paletti fra partito e sostegno al sindaco Bruno. Enrico Daga chiede, dal suo profilo Facebook, like  a sostegno della sua posizione

ALGHERO – “Il nuovo Direttivo del PD cittadino, eletto nel congresso di sabato scorso, si è riunito per la prima volta nella serata di ieri (Venerdì 27 Ottobre 2017). All’ordine del giorno, oltre la discussione della crisi politica, c’era la nomina del tesoriere: Luca Madau è stato riconfermato nel ruolo”. Così dalla sede di via Mazzini sul direttivo del Pd di ieri.“Il carattere di urgenza della riunione era dato dalla necessità di discutere l’attuale situazione politico-amministrativa ed il possibile ruolo del partito alla luce del decadere della maggioranza e delle conseguenti dimissioni del Sindaco Mario Bruno”.

“La riunione è stata partecipata non solo in termini di presenze ma anche di contributi alla discussione. Dai quali si è da subito delineata la prevalente posizione che si riassume nei punti che seguono: Si prende atto che le dimissioni del Sindaco sono de facto la formalizzazione del fallimento del suo progetto politico e del suo programma amministrativo, cosa non imputabile al PD che sta all’opposizione per mandato elettorale”.

“Il partito non intende comunque sottrarsi alla responsabilità nei confronti di una città che necessita e merita di essere governata. Il PD mette a disposizione della città il proprio peso politico (locale, regionale e nazionale), il proprio impegno, le proprie risorse, ed il sostegno in seno al Consiglio Comunale affinché alcuni elementi che possono fungere da motori dello sviluppo del territorio possano finalmente trovare attuazione”.

“In considerazione dell’urgenza della città di ristabilire l’operatività, il PD elaborerà in tempi brevissimi una serie di punti programmatici in linea con il proprio programma e che siano quindi condivisibili dal partito, in alternativa a quelli purtroppo deficitari e/o non idonei facenti parte del progetto Bruno e sul di cui disaccordo si è logorata la maggioranza”

“Il PD non entrerà in maggioranza. Nessun esponente del PD assumerà incarichi nell’amministrazione comunale, delle partecipate o altri enti. Il tentativo di forzare tale condizione determinerebbe un atto lesivo del tavolo di negoziazione”.

“Il PD riconosce la necessità di ricostruire il centro sinistra e si adopererà in maniera attiva perché ciò si realizzi. Le distanze createsi negli ultimi anni però, ed i contrasti tra quelle forze che sono e quelle che sono state di maggioranza, richiederanno tempi più lunghi di quelli che invece necessita il rilancio della governabilità cittadina. Pertanto le due questioni cammineranno su binari separati, ognuno con tempi e modalità adeguati agli obiettivi preposti. E’ stato unitario il richiamo al senso di responsabilitALGHERO – “Il nuovo Direttivo del PD cittadino, eletto nel congresso di sabato scorso, si è riunito per la prima volta nella serata di ieri (Venerdì 27 Ottobre 2017). All’ordine del giorno, oltre la discussione della crisi politica, c’era la nomina del tesoriere: Luca Madau è stato riconfermato nel ruolo”. Così dalla sede di via Mazzini sul direttivo del Pd di ieri.

“Il carattere di urgenza della riunione era dato dalla necessità di discutere l’attuale situazione politico-amministrativa ed il possibile ruolo del partito alla luce del decadere della maggioranza e delle conseguenti dimissioni del Sindaco Mario Bruno”.

“La riunione è stata partecipata non solo in termini di presenze ma anche di contributi alla discussione. Dai quali si è da subito delineata la prevalente posizione che si riassume nei punti che seguono: Si prende atto che le dimissioni del Sindaco sono de facto la formalizzazione del fallimento del suo progetto politico e del suo programma amministrativo, cosa non imputabile al PD che sta all’opposizione per mandato elettorale”.

“Il partito non intende comunque sottrarsi alla responsabilità nei confronti di una città che necessita e merita di essere governata. Il PD mette a disposizione della città il proprio peso politico (locale, regionale e nazionale), il proprio impegno, le proprie risorse, ed il sostegno in seno al Consiglio Comunale affinché alcuni elementi che possono fungere da motori dello sviluppo del territorio possano finalmente trovare attuazione”.

“In considerazione dell’urgenza della città di ristabilire l’operatività, il PD elaborerà in tempi brevissimi una serie di punti programmatici in linea con il proprio programma e che siano quindi condivisibili dal partito, in alternativa a quelli purtroppo deficitari e/o non idonei facenti parte del progetto Bruno e sul di cui disaccordo si è logorata la maggioranza”

“Il PD non entrerà in maggioranza. Nessun esponente del PD assumerà incarichi nell’amministrazione comunale, delle partecipate o altri enti. Il tentativo di forzare tale condizione determinerebbe un atto lesivo del tavolo di negoziazione”.

“Il PD riconosce la necessità di ricostruire il centro sinistra e si adopererà in maniera attiva perché ciò si realizzi. Le distanze createsi negli ultimi anni però, ed i contrasti tra quelle forze che sono e quelle che sono state di maggioranza, richiederanno tempi più lunghi di quelli che invece necessita il rilancio della governabilità cittadina. Pertanto le due questioni cammineranno su binari separati, ognuno con tempi e modalità adeguati agli obiettivi preposti. E’ stato unitario il richiamo al senso di responsabilità insieme alla necessità di instaurare una vera ed efficace mediazione politica che richiederà insieme coraggio ed umiltà da parte di tutti”.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi