Lunedì 28 Novembre, aggiornato alle 15:11

Il Wwf interviene su degrado incuria e  vandalismo nella laguna del Calich

Il Wwf interviene su degrado incuria e  vandalismo nella laguna del Calich

 La struttura dei “lavorerei” è lo sbarramento che avrebbe dovuto consentite al novellame l’ingresso dal mare nella laguna del Calich e impedire l’uscita del pesce per rendere la laguna più produttiva dal punto di vista ittico. Tale struttura è collocata nei pressi del ponte cosiddetto romano (verosimilmente di età medievale, in parte demolito con le bonifiche di inizio Novecento e, recentemente, restaurato e valorizzato dal punto di vista della fruizione culturale). A supporto della struttura dei lavorieri, dislocata nello specchio acqueo lagunare, sulla terra ferma è stata realizzata un’area recintata che risulta comunque facilmente accessibile attraverso un cancello spalancato.

Al suo interno si innalza un casetta di legno sulla quale si trova un laconico cartello che recita: “Progetto Cofinanziato dall’Unione Europea. SFOP strumento finanziario di orientamento della pesca”. Il cartello è integro, ma la casetta è stata vandalizzata, infatti la porta è stata scassinata. Tutto appare in abbandono, lasciato all’incuria e ai vandali. All’interno e all’esterno dell’area recintata, sono riversati vari rifiuti illecitamente abbandonati. La stessa struttura dei lavorieri sembrerebbe abbandonata a se stessa e mai entrata in funzione dalla sua realizzazione agli inizi degli anni Duemila, nonostante siano state spese somme ingenti, con l’obiettivo di incrementare la produzione ittica della laguna.

Sulla laguna del Calich, oltre a tutti i suoi problemi ambientali, come l’eutrofizzazione e il bloom algale, oggi grava anche in modo sconfortante l’abbandono e l’incuria. Sorge, quindi, spontaneo porsi le seguenti domande che sottoponiamo alla pubblica attenzione: la struttura immersa nelle acque della laguna e le strutture annesse a terra servono? Sono ancora utilizzabili? Quale è lo stato strutturale? Chi dovrebbe utilizzarle e come? A chi spetta intervenire per sanare la situazione? A chi compete la sorveglianza per impedire gli atti vandalici? La struttura è conforme e adeguata al recente Piano di Assetto Idrogeologico dell’area o deve essere adeguata? E’ compito della corte dei Conti intervenire per accertare un eventuale danno erariale? L’Unione Europea potrà chiedere conto alla regione Sardegna e agli altri enti sull’efficace utilizzo di denaro pubblico? E qual’é il conto del mancato sviluppo della laguna dal punto di vista della produzione ittica? Complessivamente quale è il costo sociale di questa opera pubblica “ceduta” ai vandali?


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi