Sabato 17 Aprile, aggiornato alle 20:35

Meteo ad Alghero: Meteo Alghero

Punta Giglio, la Cooperativa il Quinto elemento risponde a Stefano Cucca: “parole che danneggiano il nostro operato e la nostra reputazione”

Punta Giglio, la Cooperativa  il Quinto elemento risponde a Stefano Cucca: “parole che danneggiano il nostro operato e la nostra reputazione”

Arriva puntualmente la risposta della cooperativa Quinto Elemento chiamata in causa questa mattina da Stefano Cucca, che in un post sul gruppo Alghero per Punta Giglio, aveva preso le distanze da questo progetto, affermando che non conosceva nessuno, non avendo neanche riferimenti telefonici, con insinuazioni che meritavano,da parte sua, un approfondimento. Ora dall’altro lato ribattono e affermano:

“Abbiamo appreso oggi, con nostra enorme sorpresa e dispiacere, che Stefano Cucca si è espresso sul Gruppo Facebook del comitato “Alghero per Punta Giglio” dissociandosi da noi con questa grave affermazione “percepisco che dietro questa storia ci siano delle ombre di personaggi strani che, con tutto rispetto, non penso che vogliano salvare il mondo”.
Ci piacerebbe sapere a chi esattamente si riferisca, perché queste sono parole che recano danno sostanziale al nostro operato e alla nostra reputazione.
Ugualmente ci spiace scoprire che Stefano Cucca non si ricordi dell’incontro che abbiamo avuto il 2 agosto 2018 (quando fu invitato dall’ex socio della cooperativa, nonché suo amico, a presenziare alla consegna del compendio di Punta Giglio da parte del Demanio).
L’aspetto più grave della vicenda, oltre all’ampia diffusione che lo sfogo di Stefano Cucca ha avuto sui social, moltiplicando il danno di affermazioni quantomeno inesatte e mal formulate, è che siamo in possesso della sua manifestazione di interesse inviataci via PEC il 1 dicembre 2017. In questa lettera (da lui personalmente firmata) si affermava un interesse al progetto e a un eventuale coinvolgimento dell’Associazione Rumundu in caso di concretizzazione dello stesso.
Non è dunque vero che Stefano Cucca non avesse modo di contattarci, essendo in possesso della nostra PEC da ben 3 anni. Ma seppure se la fosse dimenticata (le amnesie si fanno numerose, ma può capitare) avrebbe sempre potuto contattare il nostro comune amico come ha fatto nelle scorse settimane. O, visto che va di moda dibattere sui social, avrebbe potuto contattarci anche in quella maniera: siamo certi che considerate le vicende delle ultime settimane, non avrebbe avuto alcuna difficoltà a trovarci.

Infine, un chiarimento su un documento a cui si è fatto riferimento sempre nello sfogo di Cucca: non si tratta di un documento ufficiale delle Cooperativa, ma di una presentazione propedeutica alla partecipazione a un concorso, dove peraltro Stefano Cucca viene menzionato solo come persona da contattare in caso di potenziale espansione della cooperativa, o necessita di supporto esterno. Il documento in questione non è stato pubblicato da noi bensì dal nostro ex socio e amico di Stefano Cucca, che è pienamente disponibile a eventuali chiarimenti”,

Di poco chiaro in questa vicenda c’è solo una cosa: perché Stefano Cucca ha sentito il bisogno di dissociarsi pubblicamente? Noi non lo abbiamo più contattato perché, come tutti sanno, il progetto non è ancora entrato nella fase operativa. Ma se avesse voluto contattarci lui, saremmo stati più che disponibili a fornire spiegazioni.
Forse il clima allarmistico, le continue menzogne e allusioni (portate avanti e mai smentite anche da chi possiede informazioni e documentazione puntuali) stanno portando a una rottura del vivere civile in questa piccola e finora pacifica città. Al punto che anche un ragazzo che, anni fa, ci aveva colpito per la sua esperienza e per le sue idee, ora ha paura di contattarci come si farebbe in una situazione di normale dibattito fra le parti.
Infine diciamo a Stefano che, per sua informazione, se vuole escludere l’Associazione Rumundu dal futuro parteneriato, non ha che da mandarci una PEC. Siamo sicuri che la ritroverà nei suoi archivi.

Concludono i responsabili della Cooperativa Quinto elemento. Tutto chiarito? Forse si, forse no dipende da Stefano Cucca, cosa ancora avrà da aggiungere.


Condividi: