Venerdì 5 Marzo, aggiornato alle 20:05

Meteo ad Alghero: Meteo Alghero

La scomparsa di Bebo Leonardi: la sua ultima volta in panchina fu con il La Palma

La scomparsa di Bebo Leonardi: la sua ultima volta in panchina fu con il La Palma

Ad Alghero Bebo Leonardi lascia un grande vuoto, fra coloro che lo conoscevano, e uno su tutto quasi un fratello: Bruno Meloni. Il grande allenatore della Torres era di casa a Fertilia, nel motel di Bruno Meloni ha trascorso giornate memorabili. Fra Meloni e Leonardi c’ra un rapporto fra uomini che andava ben oltre la semplice amicizia. E Bruno Meloni fu anche un Presidente di società di calcio. Quando divorziò dalla Polisportiva Alghero, e adottò la sua creatura Il La Palma di Santa Maria, riuscì in un colpo che lasciò tanti di stucco: convinse Bebo Leonardi ad allenare il La Palma.

Poco dopo Natale del 2008 ci fu  la chiamata del suo vecchio amico Bruno e doveva compiere una impresa, salvare il La Palma dalla retrocessione in Promozione dall’Eccellenza in cui militava. L’allenatore da sostituire era Antonio Ravot, che ebbe poca fortuna e anche una rosa neanche tanto eccelsa. Al Pino Cataldi di Santa Maria La Palma, Bebo Leonardi mise piede il 28 di Dicembre 2008, dimostrando di non temere la retrocessione fra i campi sterrati della periferia, a condurre una squadra di Eccellenza su una salvezza possibile.

Il suo stile in campo era inconfondibile, un gran signore, mai fuori dalle righe, e soprattutto capace di dare letture della partita con sottigliezze che solo chi sa di calcio, e lo conosce nei minimi particolari,  può dare. Fu la sua ultima esperienza da allenatore, con il rammarico di non aver potuto regalare al suo amico fraterno Bruno Meloni la salvezza che aveva auspicato. Il La Palma retrocesse in Promozione e Bebo Leonardi ripose in un cassetto le chiavi dello spogliatoio, con il calcio giocato, da bordo campo, aveva deciso di smettere. La notizia della sua morte, a 81 anni ha fatto il giro della città fra i calciofili, fra quelli che avevano visto per anni Leonardi frequentare anche il Mariotti, dalla gradinata, a seguire la Polisportiva Alghero , e a Santa Maria la Palma, dove lascia veri amici, e con lui un pezzo di storia del calcio nostro se ne va.

Per capire la dimensione dell’uomo Leonardi ecco un pezzo di una foto del 1969 quando indossva la maglia della Juventus. Nella foto i da sx : Salvadore, Leonardi, Haller, Anastasi

i


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi