Domenica 7 Marzo, aggiornato alle 22:16

Meteo ad Alghero: Meteo Alghero

Sanità in arrivo nuovi medici di Base in Sardegna, Deriu (PD): finalmente ascoltati i nostri appelli

Sanità in arrivo nuovi medici di Base in Sardegna, Deriu (PD): finalmente ascoltati i nostri appelli

“Finalmente sono stati ascoltati i nostri appelli, questo è un successo non solo per la sanità territoriale sarda, ma per l’intera Isola e i suoi abitanti”. È questo il commento di Roberto Deriu, Consigliere regionale del Partito Democratico, in merito alla notizia odierna sull’approvazione, da parte della Regione, di due bandi per l’assistenza primaria che consentiranno l’assegnazione di incarichi a tempo indeterminato ai medici di base nelle numerose sedi vacanti della Sardegna. L’allarme sull’assenza di medici di base titolari in numerosi comuni isolani era stato lanciato proprio dal consigliere dem, primo firmatario di due interrogazioni presentate alla Regione.

“In queste ultime settimane – spiega Deriu – io e i colleghi del PD ci siamo battuti affinché venissero prese decisioni importanti e urgenti in riferimento al ruolo dei medici di base all’interno delle nostre comunità, uno dei punti fondamentali per garantire il diritto alle cure e alla salute a tutti i cittadini sardi. Appelli che, seppur con colpevole ritardo, sono stati ascoltati dalla giunta Solinas”. In linea con quanto previsto dalla disciplina nazionale, infatti, nelle ultime ore la Regione ha annunciato che si procederà subito all’assegnazione delle sedi non ancora bandite negli ambiti divenuti carenti nel 2018 (108 sedi) e successivamente, con un secondo bando, saranno assegnate quelle del 2019 (29 sedi) per un totale di 137 sedi vacanti.

“Siamo fieri e orgogliosi di questa notizia, perché il raggiungimento di questo risultato è stato possibile grazie anche alle nostre iniziative. Certo – conclude Deriu – si tratta solo un punto di partenza: adesso la Regione deve occuparsi concretamente di tutti gli altri problemi che affliggono la sanità sarda, oggi più che mai, in ragione dell’attuale emergenza sanitaria”.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi