Giovedì 3 Dicembre, aggiornato alle 23:47

Meteo ad Alghero: Meteo Alghero

L’assurdità nell’Ospedale di Alghero: “c’è un Reparto di Terapia intensiva pronto ma chiuso”

L’assurdità nell’Ospedale di Alghero: “c’è un Reparto di Terapia intensiva pronto ma chiuso”

Di seguito una nota a firma dei consiglieri comunali dei gruppi di Centro Sinistra – Futuro Comune, X Alghero, Sinistra in Comune e PD – per denunciare per l’ennesima volta l’assurdità di avere nell’ospedale Civile di Alghero un reparto di terapia intensiva pronto da tempo, ma ancora chiuso.

Alghero ha un reparto di terapia intensiva pronto da tempo, che però continua  a restare chiuso. 

Solinas e Pais, che ancora ad agosto festeggiavano insieme l’ordinanza che teneva aperte le discoteche, oggi propongono il lockdown, come lo chiamano loro lo stop&go, ma non aprono la terapia intensiva e le sale operatorie nell’ospedale di Alghero, anch’esse da tempo pronte. 

I cittadini algheresi sono stufi degli annunci del rappresentante in regione del loro territorio, Michele Pais, che prima garantiva l’apertura del reparto il 6 marzo scorso per poi rimandarla di mese in mese fino all’ultima esternazione, nella quale garantiva che tutto sarebbe stato pronto per il 30 di settembre. 

Adesso però terapia intensiva va assolutamente aperta e per questo serve subito personale medico e infermieristico, servono anestesisti e rianimatori. Servono sul serio però e non come avvenne con una delle tante fake news istituzionali nelle quali si arrivò a millantare il rientro in reparto dalla pensione di un professionista stimato come il dottor Liperi. Per l’occasione si destò dal suo atavico immobilismo anche il sindaco Conoci che incontro Liperi e ne annunciò il ritorno in ospedale. Ovviamente però anche stavolta non se ne fece nulla. 

L’emergenza adesso non permette altri tentennamenti e nuovi annunci fasulli: l’apertura non può essere ulteriormente rimandata.

Apertura che, lo ribadiamo, necessita di un numero minimo di anestesisti e rianimatori e dunque necessità di nuove assunzioni, perché non si può pensare di far diventare ubiqui gli anestesisti che ci sono oggi, né tantomeno si possono chiudere gli altri servizi per aprire la TI.

Apertura che non dovrà essere Covid in quanto il nostro ospedale non è dotato dei necessari percorsi di sicurezza e dunque aprire una TI Covid potrebbe essere pericolosissimo. 

Apertura che sia chiaro, inoltre, dovrà, naturalmente, essere definitiva e non provvisoria, in quanto il reparto di semintensiva é fondamentale per rendere Alghero Dea di primo livello.“chiudono il loro intervento i consiglieri

Pietro Sartore, Gabriella Esposito Mario Bruno
Raimondo Cacciotto Ornella PirasValdo Di Nolfo e Beniamino Pirisi


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi