Giovedì 2 Luglio, aggiornato alle 20:06

Meteo ad Alghero: Meteo Alghero

Per le “puttanate” è rottura fra opposizione e maggioranza in Consiglio, Mario sospetta di Mario

Per le “puttanate” è rottura fra opposizione e maggioranza in Consiglio,  Mario sospetta di Mario

“Le scuse non arrivano, anzi accade di peggio – afferma Valdo di Nolfo
che ringrazia il presidente del Consiglio Comunale Lelle Salvatore che con il suo intervento ha indicato la strada che l’istituzione da lui guidata avrebbe dovuto prendere.
“Il sindaco invece come un pirata della strada sbanda e riesce a cadere ancora più in basso nel burrone della mancanza di umiltà. Quando arrampicandosi con le unghie esce da quel buco in cui da solo si è cacciato fa addirittura la vittima. Lui non ha offeso nessuno, dice. Anzi lui è la vittima dell’arena mediatica perché la “parola che ha usato è riportata nei dizionari della lingua italiana”.

Questa è la sintesi di quanto accaduto stasera in Consiglio Comunale(virtuale), dove si doveva discutere il rendiconto di Bilancio.

Il centro sinistra si erge a difesa di Gabriella Esposito (LEGGI) con un muro, oggi diventato altissimo. Tutta colpa di quelle “puttanate” dette da Mario Conoci transitante sul microfono del segretario. Sulla questione si è detto tanto e scritto pure, e il risultato è che Alghero è salita alla ribalta della cronaca politica, per avere un Sindaco macho che la parola scusa, almeno per ora l’ha bandita dal suo vocabolario, e il motivo lo ha spiegato pure. “ Io non nego assolutamente di aver detto quella frase, certo modo di esprimersi è entrato nel modo di parlare, nel gergo comune delle espressioni tanto da essere riportato nei dizionari della lingua italiana. Io sono l’interprete del mio pensiero e non lo faccio interpretare da nessuno, siccome non era mio minimo intento offendere personalmente nessuno, perché non è nel mio stile, perché se lo faccio lo faccio di persona, a microfono acceso. Non mi faccio interpretare dall’ex sindaco Bruno anche lui pro tempore, lui è bravissimo a lanciare l’ultima frecciatina velenosa, dicendo che vuole la pace, che non vuole! Si rivolge al mondo esterno Conoci: in questa vicenda scopri che viviamo in un’arena virtuale aperta a tutti, e per fortuna i nostri concittadini i nostri elettori avranno modo di farsi un’idea della posizione del Sindaco e della maggioranza e della posizione dell’opposizione in maniera libera e democratica”.

Risultato conseguente è quasi scontato, chi dovrà giudicare lo farà dall’alto di un gradino di una tribuna, da tifoso.

Oggi la nostra città, per il momento che sta vivendo ha bisogno di tutto tranne che della rottura in seno al Consiglio Comunale.

E il venticello che aleggia in tutta questa storia è che forse Mario oggi non tollera che forse a soffiare su tutta la vicenda ci possa essere Mario. Perché è garantito che se non fosse così le scuse sarebbero arrivate da qualche giorno.

Ma ora arriva il bello. Arriva il momento di vedere quanto durano queste posizioni. L’opposizione ha un ruolo ben preciso in seno al consiglio, la maggioranza vorrebbe viaggiare senza intoppi. E già oggi in aula la maggioranza si è trovata a discutere da sola.

E non si pensi, però, che anche fra i consiglieri, bipartisan non ci sia chi è scoglionato, ops scusate, volevamo dire infastidito.

Tutto per una scusa non chiesta. Per le puttanate dei perbenisti radical chic. Ora aspettiamo di vedere chi cede per primo.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi