Calcio5, la Futsal Alghero col mal di trasferta,Med Cagliari esagerata, 10 a 2

Altra trasferta per la Futsal Alghero e altro capitombolo.  Perde per 10 a 2 contro la Mediterranea Cagliari. Se la sconfitta ci può stare, non si comprende come mai gli avversari, in questo avvio di stagione dilaghino contro la squadra algherese. Dieci reti non sono tante, se ne fanno ribattendo, ma se il divario è gigante, nel finale, si comprende che forse, la Futsal in partita non c’è  mai stata.

Il Girone si preannuncia molto difficoltoso, ma siamo solo all’inizio, i ragazzi hanno il tempo per cercare di capire dove stiano gli errori, e poter giocare con più disinvoltura, e con meno tensione, perché si capisce che che la Futsal paga lo scotto di un campionato di livello, lei costruita con ragazzi locali e qualche innesto che però, a vedere il risultato, oggi non basta. Ma guai a scorarsi, non serve e non è consentito. Ora da domani si deve pensare a ricostruire il morale e l’autostima di questi ragazzi che dopo due gare in trasferta ne è uscito a pezzi.

La partita in pillole :

La partita si mette subito in salita. Dopo un minuto padroni di casa avanti con un tiro da fuori area del portiere. La Med sfiora poco dopo il raddoppio che arriva comunque al 9’. Il secondo gol dei padroni di casa scuote i giallorossi, pericolosi sull’asse Canu-Becca. Poi Canu vicinissimo al gol al 12’, ancor di più Trentadue che calcia a botta sicura ma il portiere cagliaritano compie il miracolo. Due errori degli algheresi spediscono la Mediterranea sul 4-0, poi nel finale doppia occasione per Sechi: prima il palo gli nega il gol poi in un’azione successiva non trova la porta per un soffio.
In avvio di ripresa Becca ha l’occasione per andare a segno ma colpisce la traversa. Gol mangiato, gol subito: in ripartenza la Med va sul 5-0. Sussulto d’orgoglio dei giallorossi, che accorciano su rigore trasformato da Trentadue (5-1) ma i padroni di casa capitalizzano ancora delle gravi disattenzioni della Futsal per dilagare sino al 9-1. Trentadue va in gol per la seconda volta ma la Mediterranea chiude sul 10-2 con un contropiede letale. Un brutto ko e dieci gol subiti, come a Padru. Tra sette giorni in casa servirà tutt’altra prestazione.