Giovedì 16 Settembre, aggiornato alle 19:23

Meteo ad Alghero: Meteo Alghero

GriG, il chiosco muro di Chia si sposterà, intervento del Comune di Domus de Maria

GriG, il chiosco muro di Chia si sposterà, intervento del Comune di Domus de Maria

Forse è in arrivo una soluzione per il chiosco  incastrato fra battigia marina e le tutelatissime dune di Chia, davanti all’isolotto di Su Giudeu e le dune stesse.

Il Comune di Domus de Maria – Ufficio tecnico ha comunicato (nota prot. n. 8114 del 18 luglio 2019) di aver disposto il “rilievo del perimetro della concessione demaniale marittima nr. 39 del 20.05.2004 all’interno della quale è posizionato un chiosco denominato ‘Araj’,”.

Tale “rilievo rilievo sarà esteso a tutte le concessioni demaniali marittime presenti in tutto il litorale di Chia, per la verifica della corrispondenza dei titoli a suo tempo rilasciati su suolo demaniale dai vari Enti deputati a tale scopo”.

Infatti, i fenomeni meteo-marini hanno provocato un evidente mutamento della linea di battigia e il posizionamento dei servizi balneari deve rispondere al rispetto delle norme di tutela della pubblica fruizione del demanio marittimo e della salvaguardia degli ambienti dunali.

L’Ufficio tecnico comunale evidenzia, giustamente, che “il fenomeno di scalzamento del piede della duna nel corso delle mareggiate, come accade diffusamente anche in tutte le altre spiagge dei litorali costieri, è un processo spontaneo e normale in un ambiente dinamico ed in equilibrio come quello del sistema spiaggia-duna, privo di manufatti e altri ostacoli rigidi. Le dune sono naturalmente predisposte alla funzione di serbatoio sedimentario della spiaggia, ciclicamente sono sottoposte ad erosione da parte del moto ondoso e successiva ricostruzione sotto l’azione del vento. Per questa ragione le dune devono necessariamente essere lasciate libere da manufatti ed altri ostacoli, al fine di trovare un equilibrio dinamico con la spiaggia, in funzione delle diverse condizioni meteomarine.   Tale problematica, condiziona frequentemente durante il periodo estivo, il posizionamento dei manufatti a carattere stagionale e di facile rimozione presenti nelle concessioni demaniali marittime in essere, rispetto all’originaria collocazione prevista nell’atto concessorio”.

L’Ufficio tecnico comunale ha chiamato tutte le amministrazioni pubbliche competenti (Capitaneria di Porto, Agenzia del Demanio, Soprintendenza, Regione, ecc.) ad esprimersi sulle procedure per la revisione delle ubicazioni delle concessioni demaniali marittime in vigore.

Infatti, la fascia dei 5 metri dalla battigia marina dev’essere libera per consentire il transito di tutti – italiani e stranieri – che vogliano beneficiare della spiaggia, così come le dune e una fascia di almeno 5 metri dalla loro base dev’essere libera e non deve far parte di concessioni demaniali per salvaguardare un ambiente naturale unico e straordinario.

Così affermano le normative vigenti (l’art. 3, comma 1°, lettera c, della determinazione D.G. Enti locali e Finanze della Regione autonoma della Sardegna n. 1113 del 20 maggio 2019, ordinanza balneare annuale regionale 2019, e l’art. 21 delle ‘Linee Guida per la predisposizione del Piano di Utilizzo dei Litorali con finalità turistico ricreativa’, deliberazione Giunta regionale 10/28 del 17 marzo 2015).

L’associazione ecologista Gruppo d’intervento Giuridico onlus aveva inoltrato (6 luglio 2019) una specifica istanza di accesso civico, informazioni ambientali e adozione di provvedimenti per verificare la legittimità o meno del posizionamento della struttura, coinvolgendo i Ministeri dell’ambiente e dei beni e attività culturali, la Regione autonoma della Sardegna, il Comune di Domus de Maria, il Corpo forestale e di vigilanza ambientale, la Guardia costiera.

In un primo momento il Comune di Domus de Maria ha risposto (nota prot. n. 7402 del 10 luglio 2019) affermando che il chiosco con servizi balneari venne autorizzato con due concessioni demaniali marittime (n. 170 del 24 maggio 2000 e n. 98 del 23 luglio 2001), poi “unificate” con la determinazione Direzione Serv. centrale Demanio e Patrimonio della Regione autonoma della Sardegna n. 661/D del 20 maggio 2004 per mq. 1213,50 (mq. 882 superficie scoperta + mq. 331,50 superficie scoperta).   Infine, con provvedimento unico SUAPE Domus de Maria n. 8494 del 12 settembre 2017, la concessione demaniale (sempre foglio 306, mappale 50 parte) con lo stabilimento balneare è stata rinnovata, con autorizzazione paesaggistica esplicita della Soprintendenza cagliaritana per Archeologia, Belle Arti e Paesaggio (nota prot. n. 9528 dell’11 maggio 2017).

Il Corpo forestale e di vigilanza ambientale ha analogamente risposto (nota prot. n. 49489 del 17 luglio 2019), comunicando che “altri competenti Organi di polizia hanno effettuato gli accertamenti richiesti”, dei quali s’attendono gli esiti. Ha, inoltre, inviato il parere Servizio Valutazioni Ambientali (S.V.A.) della Regione autonoma della Sardegna n. 7618 del 12 aprile 2017 conclusivo della procedura di verifica di assoggettabilità a valutazione di incidenza ambientale: l’esito è stato positivo (non è stato dato corso alla più complessa procedura di valutazione di incidenza ambientale), fra le altre a condizione che “tutte le strutture” fossero “posizionate ad una distanza minima di 3 m dalla staccionata che delimita le dune; non è consentito occupare neanche temporaneamente lo spazio fra strutture balneari e staccionata”.

Unico dettaglio: il chiosco sorge a due passi dal mare, alla base delle dune, non emerge il rispetto della fascia di 5 metri dalla battigia marina e di 5 metri dal piede delle dune.

Così come fin troppi buontemponi bivaccano sulle dune, senza che nessuno li cacci via e li sanzioni pesantemente.

Il Comune di Domus de Maria, però, ha fatto un primo passo perché il chiosco-muro di Chia venga spostato.

Gruppo d’intervento Giuridico onlus

Stefano Deliperi


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi