Successo del canto a Tenore nella terra della Pizzica e della Taranta

Il Tenore “Murales” di Orgosolo si è esibito a Tricase, nel Salento, presentando il ricco repertorio di canti della propria tradizione.

L’associazione Liquilab, presieduta da Ornella Ricchiuto, nata per promuovere e valorizzare le espressioni musicali di diversi Paesi e territori, ha invitato il gruppo a tenore per far conoscere questa antichissima tradizione musicale nel Salento.

Banne Sio, in rappresentanza del gruppo, ha tenuto un seguito seminario sul canto a tenore illustrando nel dettaglio anche gli aspetti meno noti di questa forma di canto, riconosciuta dall’Unesco patrimonio immateriale dell’umanità.

All’iniziativa salentina ha preso parte la Fondazione Maria Carta. Il presidente Leonardo Marras, nel suo intervento, ha posto in risalto la figura di Maria Carta che il numeroso pubblico presente ha avuto modo di apprezzare in un breve filmato che ripercorre l’intera attività dell’artista di Siligo. Ha poi presentato il progetto della fondazione chiamato “Freemmos”, legato allo spopolamento dei piccoli centri della Sardegna.

Fenomeno, quello dello spopolamento, comune anche alla realtà del Salento dove, come ha sottolineato la cantante Anna Cinzia Villani, si assiste all’inesorabile fenomeno dell’abbandono delle campagne.

Il lavoro svolto da Liquilab e dalla Villani in Puglia presenta molti punti in comune con quello della Fondazione Maria Carta.

La trasferta a Tricase è servita per porre le basi di un proficuo rapporto di collaborazione tra le due istituzioni culturali.

La giornata si è conclusa con un seguito concerto del Tenore “Murales” di Orgosolo presentato da Giacomo Serreli nella centrale piazza Pisanelli davanti a un folto pubblico, tra cui alcuni sardi residenti in provincia di Lecce che, accompagnati dal tenore, hanno improvvisato un “ballu tundu” molto apprezzato dai presenti.