Cdx, Mario Conoci in pole position, all’appello mancano FI e NcA

Ora ci siamo! Forse, però, ci sono delle limature da fare. Nel centrodestra Algherese la cautela è d’obbligo. Oggi ci sono stati passi avanti per quello che sarà il nominato alla carica di Sindaco. Un nome che esce dalla maggioranza dei partiti che compongono il cdx Algherese. Ma ancora, ad ufficializzare il nome non si pensa proprio. Stamattina, ore convulse per cercare di chiudere il cerchio.

Nei giorni scorsi avevamo scritto che “pacta sunt servanda” e pare proprio che così sarà. I patti, sono quelli sottoscritti dalla coalizione di centro destra che ha previsto ad Alghero la nomina a Sindaco di espressione Sardista (e leghista).  Mario Conoci oggi gode  secondo indiscrezioni credibili,  del sostegno di Psd’Az, Lega, UDC, Riformatori e Fratelli d’Italia. Un accordo in tal senso è arrivato dalle segreterie regionali e ad Alghero stamattina sono stati formalizzati. Nessuna riunione fiume canonica, ma le adesioni sono state raccolte nella sede del Psd’Az Algherese, mentre i candidati e sostenitori sono stati notati in un noto bar sulla rambla Algherese.

Insomma  si è a buon punto, ma mancano ancora nella conta due adesioni non da poco: Forza Italia e Noi con Alghero la lista civica.  La classica chiave per effettuare una chiusura che appare lontana, ma sembra il classico out out: o con noi o siete fuori dall’alleanza, questo è il messaggio. Una situazione a dir poco snervante che mette insieme due liste che hanno un bel pacchetto di consensi, ma che non cedono al celebre brocardo “pacta sunt servanda”. E a veder la situazione attuale e a leggere senza infingimenti, ci restituisce  i vincitori di una prova di forza avvenuta ad Alghero e poi soprattutto a Cagliari. Sono la Lega e il Psd’Az oggi i maggiori azionisti del centrodestra.

Gli equilibri si sono rotti a loro favore e ogni discorso politico prescindendo da questo è puro esercizio oratorio. Ad Alghero non è così, si potrebbe obiettare, potrebbe anche essere, ma oggi è parso di capire che i laboratori politici non sono consentiti dalle segreterie regionali.

L’oasi felice ipotizzata può esistere. Pacta sunt servanda.