L’approvazione del PVCB si è tinta di giallo, osservazioni mai portate in aula, Pirisi ( PD): “chiedere chiarimenti e non dimenticare all’Italiana”

L’approvazione del Piano di Valorizzazione e Conservazione dell’area di Bonifica, a un certo punto ieri si è tinta di giallo. Un colpo ad alzo zero, che potrebbe far naufragare il provvedimento portato in aula.

Osservazioni al Piano sono state citate in aula, dal consigliere Nunzio Camerada presentate a tempo debito, da almeno due anni,  ma mai visionante e portate in aula,   e neanche in commissione. Un giallo, al punto che a un certo momento i lavori dell’aula sono stati sospesi, perché quelle osservazioni dovevano essere trovate e portate in aula, all’attenzione del consiglio comunale. Un grosso intoppo. O se si preferisce un brutto sipario che ha gettato un’ombra pesante su chi e perchè avesse  orchestrato tanto, chiaramente negli uffici.

E in aula i consiglieri di opposizione hanno chiesto che le osservazioni si portassero in commissione, rispettando una procedura amministrativa consolidata. E’ stato interpellato il Segretario Generale, presente in aula, il quale ha dichiarato che le osservazioni potevano essere recepite o respinte durante la seduta, prima dell’approvazione del Piano di valorizzazione e conservazione dell’Agro. Così è stato. E per questo le opposizioni, in segno di protesta plateale, hanno abbandonato l’aula e monacciato ricorsi.

Situazione imbarazzante che ha portato il sindaco Mario Bruno a chiedere che su tutta la vicenda sia fatta chiarezza. E ancor il Consigliere Mimmo Pirisi è stato durissimo ( Vedi VIDEO), al punto che nel suo intervento ha affermato: “Pensare che ci sia qualcosa o qualcuno che lavora in maniera contraria a questo consiglio comunale e  a una parte della città, certamente non è una cosa bella. Anch’io mi associo questa richiesta di chiarimento che non finisca come tutte le cose italiane, nel dimenticatoio, lo dobbiamo ai consiglieri di quest’aula, a questa amministrazione alla città, e a quelli che verranno dopo, perché tutti quanti ci dobbiamo sentire sereni del lavoro che svolgiamo e anche vicini nella collaborazione delle persone che lavorano in questa struttura.

In aula ieri in via Columbano, fra il pubblico si cercava di capire chi fosse l’autore di tale dimenticanza, sperando che non fosse dolosa. Certo è che l’apparato amministrativo si sa da chi sia composto, e in aula è certo cha molti sapevano il nome di chi, a torto o a ragione, quelle osservazioni ha tenuto in un cassetto. Un giallo appunto.