Omniun Cultural de l’Alguer, un libro per parlare della Catalogna

Lo públic italià amb la publicació del volum La Nazione Catalana. Storia, Lingua,
Politica, Costituzione nella Prospettiva Plurinazionale, a cura de Jorge Cagiao y
Conde, Gennaro Ferraiuolo i Patrizio Rigobon, té a disposició una obra d’extrema
actualitat que ufri al lector interessat les informacions fondamentals per comprendre la
situació política i social de la Catalunya del sècul XXI.
Lo llibre és estat presentat per la primera volta al mes de nadal del 2018 a Siena, en
ocasió del XII Congrés Internacional de l’Associació Italiana des Estudis Catalans, i ara l’Òmnium Cultural de l’Alguer i la Llibreria Il Labirinto, amb la col·laboració dell’Ofici dell’Alguer de la Delegació dell’Itàlia del Govern CatalàRigobon _Navarro.jpg

La presentazione del libro è avvenuta oggi venerdì 15 marzo, alle 18.00, nella Sala Mosaico del Museo Archeologico della Città. Era presente Patrizio Rigobon, uno dei curatori e docente presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Accompagnato  nella
presentazione  da Stefano Campus, presidente dell’Òmnium Cultural de l’Alguer, Vittorio Nonis della Libreria Il Labirinto e Gustau Navarro Barba, responsabile dell’Ufficio di Alghero della Generalitat de Catalunya.

La Sala Mosaico era gremita di persone molte attente, studiosi della catalanità, semplici cittadini e politici locali. Presenti in sala anche due ex sindaci Tonino Baldino e Stefano Lubrano.rigobon_navarro_campus.jpg

La situazione politica e sociale della Catalogna del XX secolo è stata esaminata, e alla fine non si poteva non parlare del grande movimento che ha portato la Catalogna a dichiarare la propria indipendenza.

Le storia di un popolo, quello Catalano,  che ha cercato pacificamente la propria libertà, ad Alghero ha tanti estimatori, e sapere che per questo ci sono persone, otto, ancora rinchiuse in galera, lascia attoniti per i limiti che la “democrazia” talvolta si porta dentro. Una contraddizione.  La Catalogna «nuovo stato d’Europa» e gli elementi frenanti di un processo che si potrebbe cercare con un referendum ancora oggi è auspicato da molti. E il focus sulla Catalogna da Alghero è sempre presente,  “Barceloneta” dimostra di vivere con molta partecipazione e gli eventi che interessano i suoi fratelli oltremare